Assalto No Tav e aggressione a ferroviere, sciopero immediato

Disagi sulla rete di Trenord per lo sciopero improvviso, dalle 17 alle 18, indetto da alcune sigle sindacali in seguito all'assalto di un gruppo di attivisti NoTav a un ferroviere avvenuto stamattina sulla direttrice S9 (Saronno-Seregno-Albairate).

77

Disagi sulla rete di Trenord per lo sciopero improvviso, dalle 17 alle 18, indetto in seguito all’assalto di un gruppo di attivisti NoTav a un ferroviere avvenuto stamattina sulla direttrice S9 (Saronno-Seregno-Albairate). “Quanto accaduto oggi sulla S9 è un vergognoso atto di violenza che lascia senza parole – ha detto l’assessore regionale ai Trasporti Claudia Terzi – una violenza inaccettabile e inconcepibile. Massima solidarietà al macchinista aggredito e ai cittadini che hanno dovuto subire gravi disagi per colpa di un gruppo di imbecilli. Mi auguro che gli autori di questo scempio possano essere identificati e pagare. Il trasporto ferroviario deve essere sicuro sia per i nostri utenti, e cioè i cittadini, e sia per il personale viaggiante”.

“Un’ennesima aggressione al personale ferroviario, questa mattina un macchinista è stato aggredito da un gruppo NOTAV che sembra abbia sequestrato il mezzo. – scrivono i sindacati nella nota unitaria – Una condizione di rischio non più accettabile per i lavoratori e i cittadini che i diversi tavoli istituzionali non sono riusciti ad affrontare. È necessario che si passi dagli impegni ad alcune scelte concrete ad incominciare dall’incremento di sorveglianza nelle stazioni e a bordo treno in un’azione coordinata tra forze dell’ordine, aziende ferroviarie, prefetture e regione Lombardia. Per queste ragioni, per la sicurezza di chi lavora e di chi viaggia, i lavoratori del trasporto ferroviario si fermano un’ora. Ora le istituzioni e l’azienda facciano la loro parte”, concludono i sindacati.

“Con tutto il gruppo del Pd esprimo la mia più sentita solidarietà al macchinista aggredito oggi a Milano da un gruppo NoTav e il mio sostegno ai sindacati che in segno di protesta hanno indetto un’ora di sciopero. L’atto di aggressione è grave e intollerabile. Va condannato senza alcuna attenuante. Da parte mia non smetterò di impegnarmi per il diritto alla sicurezza di chi lavora sui treni e di chi viaggia”. Il consigliere regionale del Pd Gigi Ponti esprime così la propria condanna dell’aggressione di un macchinista avvenuta oggi nella stazione Porta Romana.

“Esprimo la vicinanza e la solidarietà del Movimento 5 Stelle al macchinista aggredito e al personale di Trenord. Il gesto inqualificabile segnala però, ancora una volta, le condizioni di scarsa sicurezza del trasporto ferroviario, sia per i lavoratori che per gli utenti. Lo denunciamo da anni, chiedendo alla regione di fare di più con Trenord per tutelare il personale e i passeggeri. Speriamo, almeno questa volta, di essere ascoltati”, così Nicola Di Marco, consigliere regionale del M5S Lombardia.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.