Più fenomeni criminali nel proprio Comune/quartiere negli ultimi 5 anni: lo segnala il 58% degli operatori commerciali. Emerge dal sondaggio di aggiornamento compiuto da Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza con le risposte di 773 imprese e i cui dati sono stati elaborati dall’Ufficio Studi. Un riscontro di incremento degli episodi criminali che va dal 57% di Milano città, al 59% nell’hinterland milanese fino al 65% per Monza Brianza.

Sul totale dei rispondenti al sondaggio – anche al di fuori di Milano e Monza Brianza o senza specificare la località – furti e scippi (38%), spaccio di droga (31%) e danneggiamenti (28%) sono gli atti criminali maggiormente rilevati. Il 3% ha indicato le estorsioni. Il 44% delle imprese di Milano città segnala furti e scippi (hinterland milanese 43%, Monza Brianza 38%) mentre è da Monza Brianza (46%) che arrivano più indicazioni riguardo all’aumento dello spaccio di droga (hinterland milanese 40%, Milano città 32%). I danneggiamenti impattano senza differenze su Milano città (33%), hinterland milanese (32%) e Monza Brianza (33%). Per il 45% delle imprese sono inoltre aumentati i fenomeni di usura o le offerte d’acquisto delle aziende ad un valore inferiore a quello di mercato (fenomeni legati al prolungarsi dell’impatto economico generato dall’emergenza Covid). Su questa tendenza più risposte (50%) da Monza Brianza (Milano città 46%, hinterland milanese 41%). L’86% ritiene necessaria sul territorio una maggior presenza delle forze dell’ordine (90% Milano hinterland, 87% Milano città, 77% Monza Brianza). E il 76% reputa che la presenza dei militari nelle strade costituisca una forma di prevenzione efficace del crimine (Milano città 77%, Monza Brianza 76%, hinterland milanese 74%).

Questo sondaggio d’aggiornamento, oltre a dare un riscontro generale di maggior impatto della criminalità negli ultimi anni, conferma soprattutto la rilevanza di reati, come i danneggiamenti, che sono ‘spia’ di situazioni da monitorare con grande attenzione. E una percentuale significativa di operatori denuncia una crescita di usura o offerte ‘irrituali’ di acquisto. Un allarme che accende di nuovo i riflettori sulla grande sofferenza delle imprese per la crisi generata dalla pandemia” è il commento di Mario Peserico, vicepresidente di Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza con competenza sui temi della legalità.

Commenti FB
Articolo precedenteNiente pacchi di Amazon lunedì, sciopero del personale
Articolo successivoClima, la protesta in bici di Fridays for future [GALLERY]
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.