Navigli: al tavolo col Comune commercianti e locali, protestano i residenti esclusi

"I gestori dei locali hanno anche proposto di transennare i Navigli e far passare solo chi ha prenotato in uno dei loro locali", scrivono i comitati dei residenti esclusi dalle future decisioni sul futuro dell'area dopo gli episodi di malamovida degli ultimi tempi.

119

Il Comitato Navigli scrive al sindaco Beppe Sala, agli assessori alla Mobilità, al Turismo e alle Attività produttive del Comune di Milano e ai Municipi competenti per protestare per essere stati esclusi dal tavolo che verrà istituito per stabilire un piano di lungo termine per i Navigli, teatro, negli ultimi tempi, di vari e gravi episodi di “malamovida”, assembramenti e risse con scarso se non inesistente controllo da parte della Polizia Locale di Milano e delle altre forze dell’ordine. “Evidentemente – scrivono i comitati – si è ritenuto che solo i commercianti o meglio i gestori dei locali siano portatori di interesse e che abbiano diritto a esprimersi nel merito”. “Inoltre – si legge ancora nella lettera – sembrerebbe che gli imprenditori dei locali del quartiere abbiano proposto di posizionare delle transenne all’ingresso dei Navigli e far accedere all’area solo chi ha prenotato in un locale, con conseguente privatizzazione dell’area dei Navigli a favore del loro settore commerciale. Questa proposta presuppone che non esistano altre realtà che vivono o frequentano questo ambito”. “Le strade sono pubbliche – sottolineano i rappresentanti dei comitati e nessuno può avere il diritto di appropriarsene per fini propri e commerciali”.

 

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.