Grammy Awards 2021, incetta di premi per Beyonce. Billie Eilish disco dell’anno

0
157

Billie Eilish vince il premio principale ai Grammy Awards. Dopo la vittoria dell’anno scorso ha bissato nella categoria disco dell’anno grazie al singolo “Everything I Wanted”. A fare incetta però è stata Beyonce con 4 premi conquistati: miglior video musicale con “Brown Skin Girl”, migliore performance rap e migliore canzone rap con ‘Savage” (insieme a Megan Thee Stallion) e migliore performance R&B con “Black Parade”. Il secondo premio più importante, è andato a Taylor Swift con “Folklore” che è risultato l’album dell’anno.  Ad aggiudicarsi il premio per il miglior brano dell’anno è H.E.R. con “I Can’t Breathe”, dedicata a George Floyd, ucciso dalla polizia di Minneapolis il 25 maggio 2020.  Megan Thee Stallion ha vinto il Grammy come miglior artista emergente. Lady Gaga e Ariana Grande a cui è andato il premio per il miglior duo pop. Dua Lipa invece ha conquistato è portata a casa il riconoscimento per il migliore album di canzoni pop. Infine Harry Styles  ha vinto il Grammy come Best Pop Solo Performance con la sua “Watermelon Sugar”.

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteVaccini, Fontana, la struttura è pronta aspettiamo le dosi
Articolo successivoMoto Guzzi, il compleanno del secolo
Luca Levati
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.