Milano, aggressioni ai banchetti della Lega

Minacce al commissario cittadino Bolognini durante il sopralluogo al campo nomadi di via Negrotto che il sindaco Sala aveva promesso di sgomberare anni fa. Aggressione di militanti dei centri sociali al banchetto di viale Lunigiana. L'onorevole Iezzi: "Milano capitale dell'insicurezza, gestione fallimentare dell'ordine pubblico".

141

“Durante un sopralluogo del tutto legittimo, i nomadi di Via Negrotto ci hanno minacciato e hanno cercato di aggredirci, il campo va chiuso, punto.” Lo afferma il Commissario Cittadino della Lega Salvini Premier Stefano Bolognini al termine di un sopralluogo questa mattina presso il campo nomadi di Via Negrotto, a Milano. “Mentre camminavo all’interno del campo nomadi – afferma Bolognini -, insieme al Capogruppo della Lega nel Municipio 8 Enrico Salerani e ad alcuni cittadini, almeno una ventina di nomadi ci hanno circondato e ci hanno ripetutamente minacciato. Solo la presenza della Polizia, che ringrazio per la professionalità dimostrata, ha evitato il peggio.”

“Questo campo nomadi – prosegue l’esponente leghista – è un centro di illegalità e i suoi abitanti vivono in sfregio alle istituzioni e alle leggi: questa situazione di grave degrado è ormai evidente a tutti e la città non può più tollerarla. Il quartiere vive ostaggio dei nomadi, lo ribadisco, il campo va chiuso. Lunedì – conclude Bolognini – inviterò il Sindaco Sala a effettuare un sopralluogo insieme a me per vedere con i suoi occhi la situazione.” Aggressioni a un altro presidio del Carroccio sempre a Milano, dove oggi il partito ne ha organizzati nove, uno per ogni zona.  “La nostra solidarietà agli amici militanti della Lega Valentina Bonecchi, Simone Busiello e Alessandro Righini che stamane, ai margini del presidio in viale Lunigiana, sono stati brutalmente aggrediti da esponenti del centro sociale Lambretta di via Edolo”: lo affermano Samuele Piscina, Presidente del Municipio 2 di Milano, e Silvia Sardone, europarlamentare e consigliera comunale leghista. “Un gesto vile, un’aggressione fisica e verbale avvenuta appena terminato il presidio della Lega, quando i più si erano allontanati. Gli antagonisti hanno prima inseguito i 3 giovani con piccoli gruppi organizzati e hanno spintonato la ragazza. Successivamente i leghisti sono stati pedinati fino alle loro autovetture, sono stati ripetutamente fotografati e gli sono state lanciate minacce di aggressioni fisiche se fossero ritornati nel quartiere. Solo la presenza delle Forze dell’Ordine, che ringraziamo sentitamente per la loro disponibilità, ha impedito che l’aggressione sfociasse in qualcosa di peggio”. “Il presidio è stato organizzato per chiedere al Sindaco Sala la riqualificazione di viale Lunigiana che da anni il Municipio 2 richiede senza ottenere riscontri. Purtroppo, però, chi manifesta pacificamente rispettando le regole al fine di chiedere delle migliorie per il quartiere, viene puntualmente aggredito dagli amici della sinistra, pronti a difendere con l’uso delle mani l’operato inqualificabile del primo cittadino”. “È dal 2016 che nessun centro sociale viene sgomberato nel territorio del Municipio 2. Oltre a quello di via Edolo e agli storici Leoncavallo e T28, in questi ultimi anni sono stati occupati abusivamente gli immobili di via Iglesias, via Esterle, via Breda e dei bastioni di Porta Venezia. Non è più tollerabile – concludono i 2 esponenti leghisti – che questi facinorosi si comportino violentemente, violando le regole e atteggiandosi in modo mafioso come se il quartiere fosse di loro proprietà. I cittadini vogliono sgomberi e sicurezza e il comportamento di questi criminali è la dimostrazione di quanto siano pericolosi. Sala ha fallito: Milano merita una guida migliore che metta in primo piano la legalità”. “Milano ormai capitale dell’insicurezza. Solo oggi due aggressioni verbali e fisiche a militanti della Lega: il primo da parte di esponenti del centro sociale Lambretta, il secondo da nomadi del campo rom di via Negrotto. Occorrono contromisure concrete al fallimento del sindaco Sala nell’amministrazione della nostra città anche in tema di gestione dell’ordine pubblico. Auspichiamo l’apertura di un tavolo istituzionale al Viminale per affrontare il ‘caso Milano’. Presenteremo nelle prossime ore un’interrogazione al ministro Lamorgese per sapere quali iniziative intende attuare”. Lo dichiara il deputato Igor Iezzi, capogruppo Lega in commissione Affari costituzionali della Camera.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.