Covid, Fontana a Radio Lombardia: ritirerò fascia rossa nei 4 comuni se bloccheremo focolai [VIDEO]

107

“La decisione di istituire una fascia rossa per quattro comuni lombardi è stata presa per cercare di meglio individuare e se possibile di monitorare con più attenzione la situazione. Una decisione che ho preso per una settimana, ma potrebbe anche essere ritirata prima nel caso in cui la situazione dovesse migliorare e si individuassero e si bloccassero da subito questi focolai”. Lo ha detto il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, intervenendo alla trasmissione Pane al Pane su Radiolombardia.

Interpellato sul discorso di Mario Draghi e sulla necessità di informare i cittadini il Presidente ha detto: “Io lo dicevo da tempo, bisogna cercare di fare in modo che le valutazioni vadano fatte prima. Non c’è motivo per cui i dati arrivano il martedì e le scelte si facciano il venerdì o il sabato. Valutiamo meglio e rivediamo anche questa idea dei continui cambiamenti da striscia ad altra striscia. Cerchiamo di fare valutazioni che diano almeno alle persone colpite da queste scelte la possibilità di avere un po’ di tempo davanti a loro. E’ inutile aprire e chiudere settimana dopo settimana, anche dal punto di vista economico non regge, non sta in piedi.”

In vista dell’avvio, da domani, delle prime somministrazioni di vaccini agli utraottantenni, il presidente della Regione lancia ‘un appello’ “a tutti quelli che hanno diritto di essere iscritti alla campagna vaccinale di farlo”. “Dovremo fare ancora un piccolo sforzo per coinvolgere quelli che ancora oggi non hanno aderito alla campagna vaccinale . Non era un click day. E’ importante che gli ‘over 80’ si iscrivano al sito per essere chiamati”. La raccolta delle adesioni attraverso il portale, online dal 15 febbraio “è partita bene – ha aggiunto Fontana – c’è stata qualche ora iniziale di difficoltà, superato quel problema l’organizzazione ha funzionato in maniera ottima e ormai l’iscrizione avviene in pochi minuti”.

 

Commenti FB
Articolo precedente“Storie della passione” al Museo Diocesano
Articolo successivoLomazzo, vertenza Henkel: la protesta continua
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.