Home News Trasporti, Pendolaria di Legambiente: fondi europei per risolvere i problemi strutturali del...

Trasporti, Pendolaria di Legambiente: fondi europei per risolvere i problemi strutturali del trasporto pubblico

“L’emergenza sanitaria ha pesantemente impattato sulla domanda di mobilità, ridotta a causa dei confinamenti, delle conseguenze del lavoro agile e delle restrizioni subite dal trasporto collettivo. La paura del contagio ha inoltre fatto registrare un notevole ritorno agli spostamenti individuali a base automobilistica”. Lo rileva il dossier Pendolaria di Legambiente. “Prima della pandemia i numeri restituivano un quadro ben diverso – sottolinea l’edizione 2021 del rapporto in cui ogni anno Legambiente traccia l’andamento del trasporto pubblico su rotaia -. Per ciò che riguarda il trasporto ferroviario regionale tra il 2018 e il 2019, infatti, si erano registrati incrementi importanti in Lombardia, passando da 802mila a 820mila passeggeri sui treni regionali, con un +26,1% negli ultimi 9 anni, a fronte di un tasso di motorizzazione nell’area metropolitana di Milano che resta uno dei più alti in Europa: oltre 56 auto per 100 abitanti.
I disagi per i pendolari lombardi aumentano ogni anno. Nonostante il sistema ferroviario lombardo rimanga uno dei più capillari d’Italia, va segnalato il taglio del servizio avvenuto per via della sostituzione di 139 corse con autobus sulle linee con minor numero di passeggeri e in alcuni orari specifici, che ha coinvolto comunque 7mila persone tra cui i passeggeri abituali delle linee Codogno-Cremona-Mantova, Seregno-Carnate, Bornato-Rovato, Mortara-Pavia e Vercelli-Pavia. Tra le altre linee che subiscono costanti disagi in questa regione vanno segnalate la Milano-Lecco-Sondrio, la Brescia-Cremona e la Brescia-Casalmaggiore-Parma, con soppressione di corse e tagli ai collegamenti serali verso i capoluoghi delle province più periferiche”.
“Il tema del sovraffollamento delle corse e dell’inefficienza di alcune linee era già molto sentito ed è stato ulteriormente esacerbato dagli effetti della pandemia, tanto da costringere i cittadini ad un utilizzo insostenibile dell’automobile” dichiara Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia. “Per questo chiediamo a Regione Lombardia che i fondi del Next Generation EU per il comparto dei trasporti, considerato strategico per la conversione ecologica del Paese e del nostro territorio, vengano spesi per sostenere un servizio di trasporto integrato che non lasci a piedi nessuno. Non si perda l’occasione di sfruttare questo capitale per fare della mobilità sostenibile la leva per riqualificare e innovare città e territori. Da troppi anni raccontiamo nel rapporto Pendolaria dei disagi e dei disservizi del servizio ferroviario che i pendolari subiscono ogni giorno, evidenziati soprattutto nei report dei comitati pendolari. Per questo siamo stupiti e ci pare davvero eccessivo l’atteggiamento di Trenord che chiede un risarcimento danni ai pendolar per un uso satirico di uno spot pubblicitario, invece che affrettarsi a sanare le problematiche croniche del servizio di cui è responsabile.”
La Lombardia vanta la flotta ferroviaria più grande d’Italia con 422 convogli, ma è evidente la forte necessità di ammodernamento: l’età media dei treni è di 18,6 anni, con oltre il 40% che ha una media di oltre 35 anni, mentre il 45% è composto da treni nuovi (con una media di 5 anni). Il programma di Regione e Trenord per i nuovi mezzi prevede 100 elettromotrici ad alta capacità (suddivise in 60 in configurazione lunga e 40 in configurazione corta), 31 elettromotrici monopiano e 30 automotrici diesel che entreranno in servizio entro il 2025. Lo stanziamento per il servizio ferroviario regionale nel 2019 si attestava a 191 milioni di euro, di cui 100 per il materiale rotabile, con un peso sul bilancio regionale dell’1,78%.

Commenti FB

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version