Se il buongiorno si vede dal mattino, l’esecutivo di Draghi non ha conquistato la simpatia di una larga fetta di operatori economici della montagna. Dalla mattina alla sera, nonostante settimane spese a prepararsi alla riapertura, oggi si ritrovano solo a fare i conti dei danni”. Maurizio Forchini, Presidente di Promoserio, è rimasto spiazzato dalla decisione del Governo di non riaprire piste e impianti da sci e rimandare tutto al 5 marzo, con l’incognita, soprattutto a certe latitudini, che la neve, quest’anno anche insolitamente abbondante, abbia già lasciato spazio alla primavera. Siamo assolutamente convinti che la pandemia non sia ancora sconfitta e che il comportamento di ognuno debba essere improntato alla prudenza e all’attenzione. Siamo però sorpresi ed amareggiati per il divieto all’apertura degli impianti di risalita. È senza dubbio una sconfitta per chi deve controllare e gestire il fenomeno. Per le modalità in cui è avvenuto avrà delle pesanti ripercussioni sull’economia degli operatori della valle Seriana e val di Scalve che si erano ancora una volta adeguati alle stringenti norme stabilite dal CTS con una ulteriore riduzione delle persone trasportate, il controllo degli accessi e la bigliettazione on line. Tutto questo con un’evidente penalizzazione economica. Con questa decisione, un intero sistema economico viene penalizzato. Se la preoccupazione del CTS era il non volere creare assembramento in montagna, va sottolineato che le nostre montagne sono invase da centinaia di escursionisti che, giustamente, cercano di passare giornate serene e all’aria aperta con conseguenti grossi problemi di parcheggi, e code al rientro in città. Senza contare che gli assembramenti si ripetono a ogni week end in ogni città e in ogni località turistica”. Promoserio, insieme alle Comunità Montane di Val Seriana e Val di Scalve, oltre che con l’appoggio di tutti gli operatori del territorio, aveva già segnalato al Governo precedente, al prefetto di Bergamo e al presidente della Regione la grave tensione economica e di conseguenza sociale che si sta manifestando nella nostra realtà locale. La stagione invernale nell’area è strettamente legata all’apertura degli impianti sciistici, ma le ricadute sono molto più articolate e complesse e coinvolgono tutti i diversi operatori del territorio che di questa attività beneficiano grazie all’indotto generato. La chiusura degli impianti in occasione delle festività natalizie e per tutto il mese di gennaio ha rappresentato un durissimo affondo all’economia già provata della valle, così fortemente colpita dalla crisi dei mesi scorsi. Gli enti territoriali e locali, gli impiantisti e gli operatori economici hanno ben chiara l’importanza di un’accoglienza nel pieno rispetto del distanziamento sociale, delle precauzioni anti Covid e delle norme esistenti. Per questo, chiedono alla politica e ai suoi rappresentanti di farsi interprete del grave disagio economico e sociale che la decisione assunta in troppa fretta può comportare per il comprensorio già provato da un anno di altissima emergenza”.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.