Dopo Robledo, Bertolaso. Secondo quanto può riferire Affaritaliani.it Milano la vicepresidente Moratti, in accordo con il presidente Attilio Fontana, avrebbe contattato Guido Bertolaso per il ruolo cruciale di responsabile della governance dell’organizzazione operativa territoriale, della formazione delle equipe e dell’organizzazione della macchina regionale vaccinatoria sull’intero territorio lombardo. E Bertolaso si sarebbe detto felice di tornare in Lombardia dopo l’esperienza dell’Ospedale in Fiera. Il rumors, ancora non confermato, va a inserirsi in una strategia avviata da Letizia Moratti e Attilio Fontana, di rafforzamento della squadra in capo alla dg Welfare. Tra gli altri obiettivi c’è anche il superamento del vincolo del brevetto per la produzione dei vaccini anti-Covid. Il motivo è semplice: così facendo si metterebbe in moto la macchina produttiva sul territorio e si supererebbero le difficoltà sugli approvvigionamenti. Gli avvocati peraltro sono al lavoro: potrebbero infatti esserci eccezioni all’esclusività del brevetto in caso – come quello attuale – di riduzione delle forniture.

Commenti FB
Articolo precedenteGiustizia, “la pandemia ha avuto effetti sconvolgenti”
Articolo successivoCovid, 1832 nuovi casi (4,6%) e 58 decessi
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.