Mario Mandžukić è un giocatore del Milan

172

AC Milan comunica di aver acquisito il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Mario Mandžukić. L’attaccante croato ha firmato un contratto con il Club rossonero fino al termine della stagione, con l’opzione di estenderlo per la stagione successiva. Nato a Slavonski Brod (Croazia) il 21 maggio 1986, Mario Mandžukić ha vestito le maglie di NK Marsonia, NK Zagabria e GNK Dinamo Zagabria. Nell’estate 2010 si è trasferito in Germania, prima al VfL Wolfsburg (60 presenze e 20 reti) e poi al Bayern Monaco (88 gare e 48 gol). Nel 2014/15 con l’Atletico Madrid, ha realizzato 20 reti in 43 partite, prima di trasferirsi alla Juventus con cui ha collezionato 162 presenze e 44 gol. Nel gennaio 2020 è passato all’Al-Duhail, con cui ha giocato 7 gare segnando 1 gol. Mandžukić ha vinto 24 trofei con squadre di Club, tra cui 1 Champions League, 1 Supercoppa Europea, 1 Mondiale per Club, 9 Campionati e 12 tra Coppe e Supercoppe nazionali. Con 33 reti in 89 presenze è il secondo cannoniere di tutti i tempi con la maglia della Nazionale della Croazia. Mario Mandžukić indosserà la maglia numero 9.

Commenti FB
Articolo precedente“Questa casa non è una scuola”, la protesta contro la Dad
Articolo successivoSala, vaccini in base al Pil? Mi cadono le braccia
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.