“In considerazione del fatto che ad oggi l’Italia ha vaccinato meno di 200mila persone a fronte delle 940mila dosi di vaccino consegnate al nostro Paese (470mila+470mila), non si comprenderebbe se non per mero ideologismo il mancato coinvolgimento delle strutture private nella somministrazione delle fiale”. E’ quanto si legge in una nota diffusa dalla Fondazione Luigi EINAUDI. “Farmacie, centri clinici, per le analisi e medicina del lavoro, sono canali attrezzati e sicuri per moltiplicare le vaccinazioni – si legge nella nota – altro aspetto da non escludere a priori e’ quello, da qui a qualche tempo, di prendere in considerazione anche l’opportunita’ di fornire il vaccino, per chi lo vuole, a pagamento. Infatti e’ del tutto evidente che la questione dell’approvvigionamento e’ rilevante ma ancor piu’ drammatico e’ l’aspetto della distribuzione e della somministrazione del vaccino, due fasi che vede l’Italia in chiaro affanno”. “Fermo restando il principio della somministrazione gratuita a tutti, i vantaggi per ogni dose di vaccino acquistata sarebbero molteplici – prosegue la Fondazione EINAUDI – minore spesa per il servizio sanitario nazionale; possibilita’ per lo Stato di incassare delle somme da investire nell’acquisizione di altre dosi di vaccino per le fasce piu’ deboli; maggiore immunita’ di gregge e possibilita’ di smaltire le lunghe code di cittadini in attesa di essere vaccinati. Davvero non si comprendono le ragioni di un pregiudizio meramente ideologico alla proposta, di ispirazione liberale, avanzata dalla Fondazione Luigi EINAUDI”.

Commenti FB
Articolo precedenteCovid, Lombardia: in aumento i ricoverati non in terapia intensiva +117
Articolo successivoA Milano il piano ripartenza slitta all’11 gennaio
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.