A Milano e hinterland la fine del 2020 farebbe segnare un minimo storico di feriti rispetto alla media degli ultimi anni. Secondo i primi dati Areu ci sono stati “la metà degli interventi del 118 di un Capodanno normale. A San Giuliano Milanese,  un uomo di 54 anni, per lo scoppio di un grosso petardo, ha subito l’amputazione di due dita (4 e 5 della mano destra) e un trauma addominale, è stato ricoverato in codice rosso all’ospedale di Niguarda. L’episodio più grave riguarda una sparatoria avventa intorno all’1 di notte in via Gigante a Milano, nella zona di piazza Selinunte. Nel corso di una sparatoria, dai contorni ancora tutti da delineare, due marocchini di 33 e 39 anni sono rimasti feriti per i colpi d’arma da fuoco sparati da un albanese, ora ricercato. Uno dei due, di 33 e 39 anni, raggiunto alla testa, è grave. Questa mattina alle 8.20 in via Marco Ulpio Traiano a Milano, un uomo di 55 anni è stato accoltellato alla scapola sinistra, è stato portato in codice gialli all’ospedale San Carlo.

Commenti FB
Articolo precedenteCovid, Lombardia: 3.859 nuovi positivi, sale all’11,7% il rapporto coi tamponi
Articolo successivoDelpini, l’umanità si è rivelata nella sua tragica grandezza
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.