Incoerenti e ipocriti. La pandemia ha portato fuori tutto, un fantastico mezzo di contrasto, un reagente, una cartina di tornasole. Tutto quello che siamo. Urliamo che siamo stati i primi al mondo a prendere il Covid, ma che poi è colpa della Germania che ce l’ha portato, poi ci vantiamo che saremo i primi ad avere i vaccini, e invece in Inghilterra, Stati Uniti e Russia hanno già cominciato. Poi diciamo quando cavolo arriva il vaccino, ma quando arriva diciamo che noi no, noi non ci vacciniamo perché abbiamo paura. I 5 Stelle dicono che no, il Mes non lo votano, ma quando rischiano di andare a casa con il governo, allora il Mes lo votano. La Gruber attacca la Boschi perché si bacia senza mascherina con il fidanzato (io boh). E in tutto questo c’è il meglio del meglio alla fine: lo sciopero del pubblico impiego. Perché? Perché i contratti non sono stati rinnovati. Il resto d’Italia è a piedi, e qui stanno a pensare ai contratti non rinnovati gli unici sicuramente garantiti, con stipendi che in media sono oltre i 30mila euro lordi annui, e lo fanno ovviamente unendo il giorno di sciopero ai due giorni di ponte (almeno a Milano) che si uniscono agli altri 2 giorni di week end. Siamo un Paese irriformabile di teste di cavolo, ipocriti incalliti. Ci meritiamo tutto quello che abbiamo, e forse anche di peggio.

di Fabio Massa

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.