Covid, a Milano campagna di affisioni: “A Natale regala la scuola”

105

“A Natale regala la scuola”. È quanto si legge sulle centinaia di manifesti affissi nella notte da Priorità alla scuola, il comitato che dall’inizio dell’emergenza si batte per una scuola in presenza. Con il flash mob notturno il gruppo ha lanciato la campagna per chiedere “il potenziamento immediato di spazi, trasporto pubblico e monitoraggio sanitario, per riaprire tutte le scuole in sicurezza”. Da Palazzo Lombardia, a piazza Duomo, piazza Scala, ma anche in metropolitana e all’esterno dello store milanese di Apple, il comitato ha affisso centinaia di manifesti in diverse zone di Milano.
“Priorità alla Scuola Milano lancia una campagna natalizia contro le priorità che il Governo, la Regione e il Comune continuano ad assumere nelle scelte economiche del Paese. La chiusura dei negozi sta riducendo in povertà migliaia di persone: piccoli e medi esercenti, negozi, librerie e ristoranti, come altri settori, necessitano di urgenti sostegni economici e di reddito per sopravvivere alla crisi – fanno sapere attraverso una nota -. Sappiamo quanto questo sia ancor più vero nell’anno in cui le piattaforme digitali come Amazon, eliminata la concorrenza, hanno triplicato i propri profitti senza ridistribuire alcunché. La soluzione è una società meno diseguale dove l’impegno nella ridistribuzione delle risorse economiche vada di pari passo al riconoscimento dei diritti dei minori; è un paese che potenzi la sanità territoriale e la capacità di monitoraggio pubblica contro la speculazione della sanità privata; è una città con più trasporto pubblico e piste ciclabili. Rifiutiamo la contrapposizione tra reddito, salute e istruzione e il ricatto che i minori stanno subendo tra la possibilità di andare a scuola e il sostentamento dei loro genitori. Chiediamo che tutte le scuole pubbliche, senza distinzioni, siano riaperte e potenziate da più spazi, migliori condizioni di lavoro e la garanzia di tracciamento sanitario rapido, valorizzate per la risorsa collettiva che rappresentano e pensate come luoghi dove investire per il cambiamento”.

Dell’iniziativa ha parlato anche il sindaco di Milano, Giuseppe Sala: “Abito di fronte al liceo Parini e questa mattina i ragazzi hanno lasciato questo messaggio nel quartiere e sul portone di casa mia. Ognuno di noi ha un suo pensiero sulle mille opzioni di apertura/chiusura e mi pare si faccia una gran fatica ad accettare il contraddittorio, rifugiandosi spesso nell’aggressione verbale. Anche il tema “scuola” non fa eccezione. In questo specifico caso io non mi sento di dar torto agli studenti”.

Commenti FB
Articolo precedenteClima, a Milano autunno più caldo e meno piovoso della norma
Articolo successivoMuseo del Novecento, 4 milioni di visitatori in 10 anni
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.