“Il patrimonio di Genovese ai centri antiviolenza”

Presidio di Non Una Di Meno davanti alla sede legale delle società dell'imprenditore arrestato per lo stupro di una diciottenne.

245

Un presidio davanti alla sede delle società di Alberto Genovese per chiedere che il patrimonio dell’imprenditore arrestato per lo stupro e le violenze a una ragazza di 18 anni vada ai centri antiviolenza: lo hanno organizzato ieri, giornata contro la violenza sulle donne e di genere, le attiviste e gli attivisti di Non Una di Meno. “Da destra hanno sminuito la responsabilità del carnefice con la solita retorica del “se l’è andata a cercare”.

Come se partecipare a un party comportasse matematicamente la conseguenza di essere stuprate”, scrivono i promotori del presidio sui social. Ieri si sono presentati sotto la sede legale di Brumbrum.it e Prima Assicurazione di cui Alberto Genovese è il primo azionista. Attaccando striscioni e leggendo un comunicato, hanno chiesto che il patrimonio dell’imprenditore sia interamente devoluto ai centri antiviolenza e alle donne maltrattate.

 

Commenti FB
Ads

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.