Con la parrucca da donna per acquistare cocaina, un arresto e una denuncia al ticinese

41

Ieri pomeriggio a Milano la Polizia di Stato ha arrestato una donna italiana di 50 anni e indagato in stato di libertà un uomo di 32 anni per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.
I poliziotti del Commissariato Porta Ticinese hanno individuato un appartamento in via De Pretis utilizzato da una donna per vendere stupefacente. Ieri mercoledì 18 novembre nel primo pomeriggio, gli agenti, appostati all’interno dello stabile, hanno visto la donna uscire dal proprio appartamento, al 4° piano, e incontrare, al piano terra,  una persona dalle sembianze femminili cui ha ceduto un involucro in cambio di denaro.
I poliziotti, che hanno assistito in flagranza alla compravendita di droga, hanno subito fermato le due persone: la spacciatrice residente nello stabile aveva 1.100 euro appena ricevuti dall’acquirente che è risultato essere un uomo camuffato da donna con una parrucca, occhiali da sole e mascherina di protezione per evitare di essere riconosciuto in quanto persona nota alla polizia per i suoi precedenti.
L’uomo, un italiano di 32 anni, è stato trovato con un “pezzo” intero di cocaina, ancora da lavorare, dal peso di 20 grammi, appena comperato. Gli investigatori ritengono che non si tratti di un consumatore di stupefacente, ma che abbia acquistato la droga dalla donna per poi rivenderla al dettaglio, motivo per il quale lo hanno indagato in stato di libertà per il medesimo reato.
Durante la perquisizione a casa della 50enne, i poliziotti hanno rinvenuto 70 grammi di hashish e altri 87,5 grammi di cocaina, suddivisi in 5 sacchetti di cellophane, nascosti nell’intercapedine della finestra della camera da letto. Inoltre, all’interno di una cassettiera, gli agenti hanno rinvenuto 530 euro e il materiale per il confezionamento dello stupefacente.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.