Home News Case popolari al freddo, Pd: “Aler e Regione Lombardia non intervengono”

Case popolari al freddo, Pd: “Aler e Regione Lombardia non intervengono”

L’impianto di riscaldamento di alcune case Aler di via Porpora e via Lulli non è ancora stato riparato “nonostante le sollecitazioni”. “Anziani e disabili a rischio”.

“L’impianto di riscaldamento degli stabili ALER di via Porpora (45 e 47) e via Lulli (28, 30, 32) non è ancora stato riparato, con la conseguenza che alcuni inquilini sono al freddo da venti giorni”. A riferirlo è la Presidente del Municipio 3 Caterina Antola che, in seguito ad un sopralluogo avvenuto la settimana scorsa, ha scritto due volte al Presidente di Aler, Fabrizio Sala, e all’assessore regionale Stefano Bolognini. “Come ho potuto constatare di persona – spiega la Presidente Antola – alcune famiglie abitano in condizioni igienico sanitarie gravi ed è inammissibile che a questo si sommi anche la mancanza di riscaldamento. I molti anziani e disabili che ci vivono meriterebbero un’attenzione particolare, soprattutto in un momento dove il rischio di ammalarsi è alto. Vivere in un ambiente freddo e umido – denuncia – accentua il rischio di contrarre i malanni stagionali e la situazione è resa ancor più grave dal fatto che sussistono le ben note difficoltà di sottoporsi al vaccino antinfluenzale, perché introvabile e non disponibile gratuitamente come dovrebbe. Come noto, la popolazione che abita le case in oggetto è fragile per condizioni fisiche e per reddito, e certamente non può permettersi di spendere dai 60 euro in su per vaccinarsi. Diamo loro almeno il caldo in casa – conclude la Presidente Antola – e riduciamo il rischio che si ammalino” “Nonostante sollecitazioni inviate da giorni da inquilini ormai esausti, l’agenzia regionale non si è ancora fatta viva per riparare il danno – denuncia la segretaria metropolitana del PD Milano Silvia Roggiani -. Tutto questo è la prova ulteriore di un fallimento gestionale ormai conclamato. Ai termosifoni gelidi, si sommano situazioni di incuria e degrado, con appartamenti pieni di muffa che rendono perfino pericoloso il vivere tra quelle mura. Non si può andare avanti così. Aler e Regione Lombardia devono farsi carico di queste persone, che hanno tutto il diritto di vivere in modo salubre e dignitoso” – conclude la segretaria dem Roggiani.

Commenti FB

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version