Nuovo Dpcm: grandi città in lockdown

Prevista per domani la firma del nuovo decreto: lockdown locali per le Regioni, le province o le città città con l’indice di contagio più alto. Domenica i vertici decisivi con gli enti locali. Tra le misure sul tavolo anche il blocco degli spostamenti tra regioni, il coprifuoco su tutta Italia alle 20, la didattica a distanza dalla terza media in avanti.

471

Lunedì 2 novembre dovrebbe entrare in vigore un nuovo Dpcm con ulteriori restrizioni per cercare di far fronte al dilagare della pandemia. Tra le misure che il Governo Conte si appresta a varare in accordo con Regioni e sindaci, secondo le anticipazioni, ci sono lockdown locali per le regioni che superano l’indice Rt sopra 1,5: al momento sono 11 quelle nelle quali mila contagio è fuori controllo: tra queste Lombardia (Rt 2,09), Piemonte (2,16) ma anche Emilia Romagna, Liguria. Oggi i vertici decisivi con i presidenti delle Regioni e i sindaci. Le città candidate alla chiusura sono innanzitutto Milano e Torino con le rispettive aree metropolitane. Ma il nuovo decreto prevede anche il blocco della mobilità interregionale, ad eccezione dei movimenti dettati da ragioni di lavoro, salute, domicilio, la didattica a distanza dalla terza media in avanti tra il 75 e il 100%. “La situazione si sta rivelando molto critica – ha detto Conte – le Regioni siano pronte a misure più dure”. Domani giornata fitta di incontri e vertici con le Regioni e gli enti locali per le nuove zone rosse. La decisione del Governo è emersa al termine del lungo vertice con le forze di maggioranza. Conte ha già chiesto di illustrare il provvedimento al Parlamento.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.