Infortuni mortali sul lavoro, in Lombardia 204 in 9 mesi: + 72% nonostante lockdown

104

Nonostante il lockdown, le chiusure, le ore in meno lavorate causa Covid-19, sono stati 204 gli infortuni mortali registrati dall’Inail per la Lombardia tra gennaio e settembre 2020. Ben 86 le denunce di infortuni mortali in più rispetto allo stesso periodo del 2019 (i casi mortali erano stati 118), in percentuale un +72,88%. In totale, 73.452 gli infortuni sul lavoro, contro gli 86.629 del 2019. Un calo solo del 15,21% (13.177 denunce). Lo riferisce Cisl Lombardia. “Il dato, se depurato dalle tante ore in meno lavorate per effetto di casse integrazioni, ferie e malattie, dagli infortuni in itinere fortemente ridotti e da quelli in ambito scolastico stante la chiusura degli istituti per mesi, non fa che confermare una situazione grave”, commenta Pierluigi Rancati, segretario regionale Cisl Lombardia con delega alla Salute e sicurezza sul lavoro. “Una volta di più dobbiamo sottolineare un’insufficiente azione istituzionale in materia di prevenzione e controlli – aggiunge Rancati -. Regione Lombardia non ha rafforzato l’attività ispettiva e non ha aumentato gli organici dei servizi di prevenzione delle Ats, come avrebbe dovuto. Da mesi non convoca la Cabina di Regia, con Ats, Inail, parti datoriali e sindacali, per monitorare e orientare l’attività istituzionale in materia di prevenzione e vigilanza negli ambienti di lavoro, tanto più necessaria rispetto all’evoluzione dell’emergenza epidemiologica in atto. Assicurare nei luoghi di lavoro la migliore gestione del rischio a tutela della salute e della sicurezza delle persone non può certo in Lombardia essere gestita come l’ultima delle priorità”. A pagare il prezzo più alto è il terziario, che anche nel periodo dell’emergenza sanitaria registra un aumento: 22.890 casi tra gennaio-settembre 2020 contro i 22.577 nel pari periodo 2019. Tra le province troviamo Cremona che risulta in aumento rispetto al 2019: 4.032 denunce nel 2020 e 3.864 nel 2019. Aumento notevole del terziario riferisce ancora la Cisl – anche nei casi mortali: 65 decessi nel 2020 contro i 12 nel 2019 (+441,6%). Quanto alle province, come numeri assoluti abbiamo Milano a quota 40 seguita da Bergamo 39, Brescia 35, e Cremona 25. Nello stesso periodo del 2019 erano rispettivamente 28, 13, 24 e 3. Cremona registra l’aumento più alto rispetto al 2019 con più 700%. Tra lavoratori e lavoratrici sono i primi ad avere il dato più alto. Erano 111 nel 2019, gennaio- settembre, 174 nel pari periodo 2020.

Commenti FB
Articolo precedenteSting, il 27 novembre esce “Duets”
Articolo successivo“Tracciamento saltato, senza misure il Covid non si contiene più”
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.