Nella mascherina la cocaina, arrestato di notte con il monopattino

103

La Polizia di Stato ha arrestato, poco dopo mezzanotte, un italiano 44enne per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio. Gli agenti della Squadra Investigativa del Commissariato Quarto Oggiaro, dopo un’attività di indagine sul territorio, hanno fermato in via Tina di Lorenzo il 44enne che, a bordo di un monopattino, alla vista dei poliziotti, ha cercato di fuggire percorrendo diverse strade in controsenso e vie pedonali. Una volta fermato, alla richiesta dei poliziotti di fornire una giusta motivazione per non aver rispettato l’ordinanza sulle limitazioni agli spostamenti dalle ore 23, l’uomo, molto nervoso per il controllo, ha riferito di essere alla ricerca di un distributore automatico di sigarette. I poliziotti, insospettiti dal fatto che dal luogo della sua abitazione al luogo del controllo l’uomo avesse già superato due tabaccai con servizio attivo di vendita automatica, lo hanno perquisito trovandolo in possesso di 6 involucri di cocaina nascosti nella mascherina che indossava e 140 euro in contanti nei pantaloni.
A seguito di perquisizione domiciliare, effettuata con l’ausilio dell’unità cinofila dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura, sono state rinvenute e sequestrate, nei montanti delle porte di casa, altre 10 dosi di cocaina per un totale di 4,2 grammi e 0,6 grammi di hashish. L’uomo, infine, è stato sanzionato per l’inosservanza alle norme anti-Covid19.

Commenti FB
Articolo precedenteCovid, Galli (Sacco): “Epidemia fuori controllo”
Articolo successivoIn metro senza mascherina minaccia agenti con coltello
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.