Nel pomeriggio di ieri i Carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di San Donato Milanese hanno arrestato per tentato omicidio un uomo di 51 anni, incensurato di Cernusco sul Naviglio il quale, al termine di una violenta lite per motivi passionali, ha accoltellato al collo l’amante della moglie, un 47 enne residente a Pioltello. L’aggressore verso le 15,00 di ieri aveva pedinato la vittima con la macchina mentre stava andando a prendere il figlio in una scuola di Segrate riuscendo a raggiungerlo poco prima che lo stesso raggiungesse l’istituto scolastico tagliandogli la strada con la propria autovettura e costringendolo a fermarsi. I due, scesi dalle loro macchine, si sono messi a litigare quando ad un tratto l’aggressore, preso da un momento di rabbia, ha colpito il 47 enne, prima con un pugno sull’occhio e poi con due coltellate al collo, scappando poi di corsa facendo perdere le tracce. La lama, per pura fortuna, è riuscita a fermarsi a pochissimi centimetri dalla giugulare e dalla carotide e grazie agli immediati soccorsi non ha provocato lesioni ai grandi vasi. L’uomo è stato quindi soccorso dall’AREU e trasportato in codice giallo all’Ospedale Città Studi di Milano. Al momento non è in pericolo di vita.

I Carabinieri, appreso dalla vittima il nome dell’aggressore,  si sono messi subito sulle sue tracce riuscendo a rintracciarlo nella sua abitazione di Cernusco sul Naviglio. Le prime attività d’indagine hanno permesso di appurare le ragioni dell’evento dal movente passionale, infatti la vittima aveva avuto una relazione extraconiugale con la moglie dell’aggressore durata circa due anni ed interrotta da poco. L’aggressore aveva da poco appreso la notizia dell’infedeltà della moglie e non accettava il fatto che la vittima continuasse a cercare di contattare sua moglie per proseguire la loro relazione. L’arrestato, che ha ammesso i fatti, è stato condotto al carcere di San Vittore in attesa della convalida dell’arresto.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteElezioni, il centrodestra a Milano punta su Paolo Veronesi
Articolo successivoCovid, i nuovi casi in Lombardia oggi sarebbero 4000
Luca Levati
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.