Fine settimana di controlli sulle strade

Velocità, guida con il telefono in mano, alcol, droga e infrazioni di tutti i tipi; raffica di controlli della Polstrada in tutta Italia. A Melegnano, nel Milanese, denunciati anche due ragazzini che lanciavano sassi da un cavalcavia.

69

Ancora un fine settimana di intenso lavoro per le pattuglie della Stradale che hanno monitorato le tratte autostradali e le vie di grande comunicazione, in particolare quelle che conducono ai luoghi maggiormente frequentati di notte, al fine di individuare i conducenti indisciplinati che rappresentano un serio pericolo per sé e per gli altri. Nel dispositivo sono stati impiegati 3.758 equipaggi, supportati da velivoli messi a disposizione del Servizio Aereo del Dipartimento P.S, che hanno proceduto a ritirare 225 patenti e a defalcare 15.363 punti. I controlli hanno interessato 20.013 persone e 17.950 veicoli, con 12.909 infrazioni accertate, 98 conducenti positivi  all’etilometro e 8 al consumo di droghe. A 3.582 automobilisti che correvano troppo sarà contestata la velocità eccessiva, mentre 613 erano senza cinture e 341 con il telefonino in mano. L’attività non si è limitata alla sicurezza della circolazione, tant’è che gli investigatori schierati in campo hanno arrestato 3 malviventi tra spacciatori, ladri e furfanti vari, denunciandone a piede libero 90 e sequestrando in tutto, per violazioni amministrative o penali, 35 veicoli. Nel comune di Melegnano (MI) sono stati fermati tre giovani, di cui 2 minorenni, che poco prima si erano “dilettati” nel lanciare sassi da un cavalcavia, mettendo in serio pericolo la sicurezza degli automobilisti in transito. I giovani, subito rintracciati da un equipaggio della Sottosezione di San Donato Milanese, sono stati denunciati a piede libero per attentato alla sicurezza dei trasporti, con i minori affidati alle loro famiglie.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.