Quattro interventi in meno di ventiquattr’ore per la XIX Delegazione Lariana Cnsas. Ieri sera i tecnici sono stati allertati per la ricerca di un uomo di 47 anni di Castellanza (VA). Si era perso mentre scendeva dal Grignone, nel territorio del comune di Mandello del Lario. Insieme con Guardia di finanza e Vigili del fuoco, le squadre del Soccorso alpino di Lecco e Valsassina lo hanno cercato per diverse ore, anche di notte. Stamattina lo hanno ritrovato, disorientato ma illeso. Mentre erano impegnati nella ricerca, ieri sera intorno alle 19:00 è arrivato un altro allertamento, per una cordata bloccata in Grignetta, sulla Segantini. Sono stati raggiunti e portati a valle. Altri due interventi stamattina, per una donna di 56 anni a Monte Marenzo, che si era fatta male a una caviglia, poi raggiunta, messa in sicurezza e portata in ospedale, e per un’altra donna caduta con i roller sulla pista ciclabile, vicino al centro operativo del Bione. Una giornata particolarmente intensa, cominciata ieri e terminata solo nel pomeriggio di oggi con il rientro delle squadre: sono momenti che, sebbene impegnativi e portati avanti in condizioni complesse, sostengono i nostri soccorritori grazie al fatto che si sono conclusi tutti in modo positivo, facendo dimenticare i sacrifici e la stanchezza.

Commenti FB
Articolo precedenteDpcm, Fontana: su sindaci responsabilità impopolari
Articolo successivoCovid-19, Pregliasco: servono misure “sartoriali”
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.