Resta bloccata la situazione in via Corelli dove una manifestazione organizzata dalla rete No Cpr e Cub ha occupato tutta la carreggiata con un sit-in di protesta pacifico per impedire a un autobus con a bordo alcuni migranti di raggiungere la struttura del Cpr. Sul posto è ora presente anche una pattuglia dei carabinieri e sono in corso trattative per convincere i partecipanti a liberare la strada. Circa un centinaio di manifestanti si sono dati appuntamento nel pomeriggio in piazzale Susa per una marcia di protesta contro la riapertura del Cpr di via Corelli. Obiettivo dei manifestanti – appartenenti alla rete No Cpr e ai sindacati di base -, un sit per bloccare la strada e quindi l’arrivo dei mezzi che scorteranno i migranti nella stuttura. “Noi da qui non ci muoviamo”, uno dei messaggi urlati dai manifestanti che raggiunta via Corelli hanno occupato la sede stradale. Il Cpr di via Corelli viene definito “un lager, un carcere in cui rinchiudere 140 persone che non hanno commesso alcun reato”. A pochi metri dai manifestanti è schierato in strada un reparto della Celere. (MiaNews)

Commenti FB
Articolo precedenteCoronavirus, in Lombardia 201 nuovi casi pari all’1% dei tamponi effettuati
Articolo successivoSette temi per il futuro, Sala “chiama” i milanesi
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.