Protezione Civile, giornata del ringraziamento in Piazza Duomo

355

Oltre duecento persone delle diverse rappresentanze si sono schierate in piazza del Duomo, di fronte alla Cattedrale, questa mattina per la giornata di ringraziamento della Protezione Civile, in occasione della ricorrenza di San Pio da Pietrelcina, patrono dei volontari della Protezione Civile.
Presenti il Capo del Dipartimento della Protezione civile Angelo Borrelli, il prefetto di Milano Renato Saccone, l’assessore alla Protezione civile di regione Lombardia Pietro Foroni e il vicesindaco Anna Scavuzzo. “La Lombardia è stata la regione più colpita e la Regione ha fatto un lavoro eccellente, ma ancora più eccellente il lavoro svolto dalla protezione civile della Regione lombardia”, ha detto il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli. “Abbiamo attraversato mesi in cui questa piazza era deserta e ora la riempite con le vostre divise”, ha commentato invece il Prefetto di Milano Renato Saccone. Mentre Pietro Foroni ha ricordato il lavoro dei volontari “dalla distribuzione dei pasti” al presidio “degli ospedali” e degli “istituti penitenziari”, sottolineando che “l’emergenza non è ancora finita”. Anche il vicesindaco Scavuzzo ha sottolineato che “il tempo della prova non è finito ed essere sempre pronti e’ il motto che rinvigorisce ogni giorno il vostro impegno”. (MiaNews)

Commenti FB
Articolo precedenteCoronavirus, Caritas: è anche emergenza casa
Articolo successivoRipartono le mostre a Milano: 50 nel nuovo calendario
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.