Malghe e Alpeggi, cessione gratuita ai comuni che ne faranno richiesta

73

Per valorizzare le malghe e gli alpeggi Regione Lombardia prevede la possibilità di trasferimento, con vincolo di inalienabilità e a titolo gratuito, agli enti locali. È la nuova norma inserita nell’assestamento al Bilancio 2020 di Regione Lombardia.

“Un provvedimento federalista, di vicinanza territoriale e di lungimiranza. I Comuni che ne faranno richiesta – ha dichiarato l’assessore regionale lombardo all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi Fabio Rolfi – potranno così gestire sul proprio territorio le malghe di proprietà regionale. Un modo per valorizzare l’agricoltura di montagna e legare ulteriormente la gestione di malghe ed alpeggi agli agricoltori di montagna responsabilizzando e valorizzando il ruolo delle comunità locali”.  “Le malghe e gli alpeggi non sono solo attività produttive, ma sono soprattutto presidi ambientali straordinari situati in luoghi che presentano difficoltà logistiche. Ma anche luoghi che se ben gestiti, seguendo le linee guida redatte da Regione insieme ad Ersaf, possono valorizzare al meglio il lavoro degli agricoltori. Penso – ha aggiunto – alla promozione della multifunzionalità, alla vendita diretta in malga, al collegamento delle malghe con i percorsi cicloturistici e la promozione del turismo enogastronomico grazie al potenziale dei prodotti lattiero caseari delle nostre montagne, molti anche DOP”.  “La responsabilizzazione diretta delle comunità locali – ha evidenziato – punta a sprigionare queste potenzialità”.

“Con le linee guida approvate lo scorso anno – ha detto ancora Rolfi – abbiamo dato priorità alla gente di montagna per l’assegnazione delle malghe per bloccare le speculazioni. Abbiamo introdotto una rivisitazione aggiornata delle modalità di concessione in affitto delle malghe, attribuendo maggiore importanza alla proposta gestionale rispetto all’offerta economica anche per correggere distorsioni nei meccanismi applicativi della PAC che hanno generato tensioni nell’aggiudicazione di malghe pubbliche”.  “Ora andiamo oltre – ha concluso Rolfi – garantendo al territorio la possibilità di intervenire direttamente per utilizzare al meglio queste risorse economiche, culturali e ambientali”.

A settembre è previsto l’inserimento del tavolo regionale per il monitoraggio delle malghe per l’attuazione e la verifica delle linee guida alla presenza di tutte le associazioni agricole e degli enti locali. In Lombardia sono presenti 870 alpeggi/malghe, che occupano una superficie totale di 225.771 ettari, pari al 9 per cento del territorio regionale e a circa il 25 per cento di quello montano.

Commenti FB
Articolo precedenteVirus, 55 nuovi casi in Lombardia e un decesso
Articolo successivoEstate Sforzesca, il palcoscenico live prosegue fino al 4 settembre
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.