Ricercato nel Regno Unito per truffa, preso nel milanese

19

Ieri la Polizia di Stato ha eseguito a Vernate (MI) il Mandato di Arresto Europeo, emesso a inizio luglio dal Regno Unito nei confronti di A.T., cittadino britannico di 66 anni nato a Bassora in Iraq, ricercato per truffe. Il Tribunale dei Magistrati di Westminster accusa l’uomo di aver più volte truffato una sua conoscente turca, dopo averne carpito la fiducia nel corso di una frequentazione ventennale. A maggio 2016, la donna, stando alle accuse, avrebbe versato all’uomo, che aveva dichiarato di essere un avvocato in grado di garantire la cittadinanza britannica a facoltosi clienti arabi, 300mila sterline senza mai ottenere la residenza o alcun documento di identità britannico. A luglio 2016, asserendo che la cittadinanza italiana per lei e la sua famiglia si sarebbe potuta ottenere in maniera più rapida, l’uomo si fece pagare 200mila sterline e le procurò delle patenti e tessere sanitarie italiane risultate poi false. A settembre 2016, infine, l’uomo contattò la sua conoscente per proporle l’acquisto in comproprietà, ad un prezzo scontato di 3 milioni di sterline, di una casa nel lussuoso quartiere londinese di Mayfar al confine con Hyde Park. Dopo aver proceduto al bonifico di 1 milione e mezzo di sterline, la donna perse ogni contatto con il ricercato: a febbraio 2017 la vittima provò anche ad intascare l’assegno di due milioni di sterline che l’uomo le aveva lasciato a garanzia per l’acquisto dell’immobile ma, in banca, l’assegno risultò scoperto. I poliziotti della Squadra Mobile della Questura di Milano, al termine delle ricerche del 66enne sul territorio milanese dove in passato lo stesso aveva preso la residenza, ieri lo hanno rintracciato in una villetta a Vernate (MI) dove si trovava con la moglie e i figli e lo hanno condotto presso la Casa Circondariale di San Vittore a disposizione della Corte di Appello di Milano.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.