Milano, contributo affitti per 4.500 su 17.000 domande

76

Sono 4.500 le famiglie, su 16.995 richiedenti, che il Comune di Milano attualmente potrà aiutare attraverso le misure di sostegno agli affitti erogate tramite bando. Lo ha comunicato questo pomeriggio l’assessore alle Politiche Sociali Gabriele Rabaiotti nel corso della commissione consiliare Casa convocata oggi in video conferenza per fare il punto sui contributi agli affitti. “Le misure per il canone di locazione”, ha spiegato l’assessore, “hanno potuto beneficiare di tre blocchi di finanziamento e il bando affitti è stato concepito proprio sul fatto che le risorse possono crescere progressivamente: l’attivazione di alcune misure, come il fondo di mutuo soccorso, non è a scadenza, ma potremmo agganciare anche domani nuove risorse senza dover rimettere a bando la stessa misura. Progressivamente, agganciando risorse, andiamo avanti per la graduatoria delle domande e ci auguriamo fino al suo esaurimento”. In particolare, “oggi ci appoggiamo su una cassa”, ha spiegato Rabaiotti, “che conta già due milioni e mezzo di euro, risorse regionali che avevamo come Comune già in avanzo. Con questi fondi stiamo affrontando il primo blocco di domande presentate al bando, che sono 16.995. Il secondo gruppo invece, che potrà partire a metà o fine luglio, riguarda due delibere regionali che metteranno a disposizione per il comune di Milano un milione e 800mila euro. La terza unità economica è legata invece al fondo di mutuo soccorso, che ha recuperato i fondi del Pon Metro, per 2milioni e mezzo che saranno disponibili da settembre”. Quindi in totale, Rabaiotti ha spiegato che saranno “6,8 milioni le risorse dedicate alla misura del contributo affitti. Calcolatrice alla mano: 6,8 mln diviso 1.500 euro, che è il contributo massimo erogabile pari a 4 mensilità, le famiglie che potranno essere soddisfatte saranno 4.500”; ha concluso l’assessore.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.