Virus, focolai in Ticino: allarme anche tra i frontalieri

176

Due nuovi focolai di Coronavirus in Canton Ticino fanno salire l’allarme anche tra i frontalieri italiani. Si tratta di un aumento dei contagi dopo diversi giorni di calma piatta: 7 casi positivi accertati che hanno costretto le autorità sanitarie ad avviare l’attività di rintracciamento dei contatti. Il governo ticinese ha deciso una serie di restrizioni per locali e trasporti pubblici, dove viene reintrodotto l’obbligo della mascherina. I nuovi contagiati sono giovani che non presentano sintomi gravi, sono legati alla “movida”. Sono stati in paesi a rischio, come l’Italia e la Germania. Ma le autorità hanno deciso di intervenire subito, criticando anche il governo federale per l’eccessiva fretta nell’allentamento delle restrizioni anti contagio. Non solo Ticino: casi in aumento anche nei cantoni di Argovia e Zurigo, con un’impennata di nuovi contagi: +134 in tutta la Svizzera il 3 luglio contro i +116 del giorno precedente, con numeri in costante aumento da giugno.

 

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.