Corruzione, frode in pubbliche forniture e turbata libertà degli incanti: sono le ipotesi di reato a carico di Michele Brait, direttore generale dell’azienda che gestisce tutti gli ospedali nel territorio del pavese (ASST Pavia). Il manager è indagato per l’affidamento dei servizi di trasporto sanitario alla “First Aid One”, cooperativa sociale con sede a Pesaro. Proprio le scorse settimane i finanzieri avevano acquisito i documenti relativi all’appalto, riguardante i trasporti sanitari nelle strutture ospedaliere dell’Oltrepo Pavese e della Lomellina, nella sede della Asst di Voghera (Pavia): una concessione da 2.2 milioni di euro vinta nel 2017 da First Aid, unica partecipante alla gara vista la rinuncia della Croce Rossa e di altre associazioni. Brait tramite il suo avvocato ha chiesto di essere sentito dal pm Roberto Valli, “sperando di poter essere utile alle indagini” e che questa fase “non determini particolari disagi al lavoro che Asst svolge tutti i giorni con impegno”.

Sulla questione è intervenuta con una nota la stessa First Aid One:

“First Aid One è pienamente fiduciosa nella magistratura e si conferma a totale disposizione dell’Autorità Giudiziaria nel percorso di accertamento della verità, in relazione a una vicenda rispetto alla quale, sin d’ora, pare si possa affermare la totale estraneità della cooperativa e dei suoi dipendenti e amministratori. E’ noto come il tema attorno al quale ruota l’indagine sia la gara, (…) assegnata a First Aid dalla ASST di Pavia, che sin dall’inizio dello svolgimento dei servizi si è contraddistinta per un elevato livello di contenzioso tra la stazione appaltante e la Società cooperativa.
Lo sviluppo del procedimento consentirà di fare chiarezza in ordine ai comportamenti perfettamente leciti posti in essere dall’azienda e dai propri dipendenti che con dignità e decoro, forti delle attività svolte in tutta Italia con attestati pubblici di stima e riconoscenza, ricevuti prima e dopo l’emergenza COVID 19, ha continuato a svolgere il servizio pubblico essenziale nei confronti dell’intera collettività.
Non ci si dimentichi che, unica cooperativa sociale accreditata nella Regione Lombardia per gestire l’emergenza COVID-19 e Ebola, è riuscita a garantire tutti i protocolli richiesti dall’AREU e dall’Ospedale Sacco. Anche per questo siamo certi che l’autorità requirente saprà ricostruire, rileggere e comprendere nel dettaglio, anche con il nostro ausilio, i passaggi delle contestazioni alle quali, come detto, fin da ora ci dichiariamo totalmente estranei.”

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.