Monza, macelleria etnica come base di spaccio: 12 arresti [VIDEO]

Una vera e propria rete di diffusione che, dal comune di Monza, approvvigionava gli spacciatori nei comuni di Sesto San Giovanni e Milano.

140

A lanciare l’allarme erano state le famiglie della zona, preoccupate per la diffusione di cocaina tra i propri figli. Così nelle province di Milano, Monza e Pavia, i militari del Comando Provinciale di Milano, hanno arrestato 12 persone (8 marocchini, 3 italiani ed un venezuelano di età compresa tra i 24 ed i 64 anni), tutte ritenute responsabili di spaccio di sostanze stupefacenti.
Le indagini hanno consentito di documentare l’esistenza di un gruppo criminale – con al vertice tre componenti di una medesima famiglia, facenti capo al gestore di una macelleria etnica di Monza – che, operando servendosi di altre 4 persone, era dedito alla fornitura di quantitativi considerevoli di sostanza stupefacente del tipo cocaina. Gli spacciatori si erano già resi protagonisti di 150 episodi di detenzione e spaccio di stupefacenti tra Monza, Sesto San Giovanni e Milano, servendosi della macelleria come base di spaccio e di un garage a Concorezzo (MB) come magazzino.

Una vera e propria rete di diffusione che, dal comune di Monza, approvvigionava gli spacciatori nei comuni di Sesto San Giovanni e Milano, fornendo profitti settimanali rilevanti ai quattro attori principali. Gli agenti hanno colto in flagranza di reato 5 dei soggetti facenti parte dell’organizzazione poi smantellata, all’interno della quale era stato coniato un gergo ad hoc per identificare i quantitativi richiesti (“uno schiaffo”, “un pugno”, “una sberla”). Sequestrati nell’operazione circa tre chili di cocaina e anche una pistola con matricola abrasa.

Commenti FB
Ads

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.