I lavoratori dello spettacolo protestano alla Triennale: No al Netflix della Cultura [VIDEO]

200

“Chiediamo semplicemente di essere ascoltati”: così Fabio Carpini del coordinamento delle lavoratrici e dei lavoratori dello spettacolo lombardi in presidio davanti al Palazzo dell’Arte, in occasione dell’inaugurazione di Triennale Estate. I lavoratori hanno inscenato la protesta con i cartelli “Anche noi siamo un impegno istituzionale”, organizzata per l’annunciata presenza del ministro Dario Franceschini, ma che non ha potuto partecipare all’evento di oggi. Tra gli striscioni, “Il nostro lavoro è dal vivo. No al Netflix della Cultura”.
“Gli unici che ci hanno preso in considerazione con un’audizione informale sono stati l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno, i consiglieri comunali Elena Buscemi e Angelo Turco e la consigliera regionale Paola Bocci. Mentre i locali milanesi chiudono le istituzioni ci ignorano”, spiega Carpini.
I manifestanti chiedono: “Un reddito di continuità, la convocazione ad un tavolo di confronto sulla ripartenza, la messa in discussione dell’investimento economico preannunciato per il progetto infelicemente definito Netflix della Cultura e che vengano rese attuative le consultazioni periodiche da parte del Consiglio Superiore dello Spettacolo”. La protesta dei lavoratori dello spettacolo, pacifica e senza contestazioni, è proseguita nel giardino della Triennale, dove si tiene la presentazione del cartellone estivo con il sindaco Giuseppe Sala e il presidente della Triennale, Stefano Boeri, che ha invitato i lavoratori a salire sul palco al termine della presentazione per esporre le proprie ragioni.
I manifestanti hanno mostrato i cartelli già esposti fuori dalla Triennale con la scritta “anche noi siamo un impegno istituzionale” nel momento in cui è stato trasmesso il messaggio del ministro Dario Franceschini che ha spiegato: “Mi dispiace non poter essere con voi, ma oggi gli ‘Stati Generali’ del Governo mi impongono di essere a Roma per ascoltare i sindacati e le parti sociali. Avrei davvero voluto essere lì con voi perché oggi 15 giugno è una giornata molto importante, possono riaprire i luoghi della cultura, i cinema i teatri, gli eventi al chiuso e all’aperto, dovranno attraversare molte difficoltà, ma è comunque una data di ripartenza simbolica”. (MiaNews)

Commenti FB
Articolo precedenteMinistra Azzolina sveglia o si torna agli anni ’30: donne a casa, bimbi capre
Articolo successivoMontanelli, Sala: tema in riflesione più ampia [VIDEO]
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.