Trenord difende il divieto alle bici: veri e propri assalti alle carrozze

La società e lo stop alle biciclette a bordo per contrastare “gli assalti dei rider”. Permessi invece monopattini e bici pieghevoli. Ma non mancano le polemiche.

220

Troppe biciclette a bordo dei treni, impossibile ormai garantire la sicurezza e le norme sul distanziamento. Per queste ragioni – spiega una nota della società di trasporto – Trenord ha disposto il divieto di portare bici in carrozza. Resta consentito il trasporto di biciclette pieghevoli, monopattini e mezzi simili non ingombranti, con dimensioni non superiori a 80x120x45cm. Durante il periodo dell’emergenza sanitaria, in particolare negli ultimi giorni dopo il lockdown, il fenomeno dei riders metropolitani – afferma Trenord -ha raggiunto livelli numerici insostenibili a ogni ora del giorno. Si verificano veri e propri “assalti ai treni”, si legge nella nota, con centinaia di biciclette, che pregiudicano la sicurezza dell’esercizio ferroviario e rendono impossibile il mantenimento delle distanze imposte per il post-Covid19 fra i posti disponibili – il 50% di quelli a sedere, il 15% di quelli in piedi – durante la corsa, la salita e la discesa dai convogli e gli spostamenti in carrozza. Non mancano le polemiche. “La Regione sta riuscendo nel miracolo di non aiutare le persone sul piano della sanità, ostacolando i lombardi nell’uso della bicicletta e dunque di un mezzo che serve sul piano della sostenibilità ambientale e della diminuzione dei rischi riguardanti la salute. Uno spettacolo davvero indegno”. Così l’europarlamentare del Pd Pierfrancesco Majorino commenta la decisione di Trenord di vietare il trasposto delle biciclette a bordo dei treni causa “l’ impossibilità di garantire la sicurezza e le norme sul distanziamento” specie “per il fenomeno dei riders metropolitani che ha raggiunto livelli numerici insostenibili a ogni ora del giorno”. “Regione Lombardia, dopo i danni prodotti con la sua pessima gestione dell`emergenza Covid, sembra sferrare un attacco frontale nei confronti dei lavoratori pendolari che scelgono un sistema misto per recarsi al lavoro (treno e bicicletta), compresi quei lavoratori della gig economy, spesso stranieri, che ogni giorno arrivano a centinaia sulle strade di Milano. Ci aspettiamo che le disposizioni di Trenord inviate ai capitreno e a tutti gli operatori vengano immediatamente ritirate”, afferma Elena Grandi, co-portavoce nazionale dei Verdi-Europa Verde. Anche Legambiente, infine, chiede di togliere il divieto.

 

 

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.