Home News Coronavirus, protesta del lavoratori dello sport a San Siro

Coronavirus, protesta del lavoratori dello sport a San Siro [VIDEO]

I lavoratori dello sport in protesta sotto lo stadio di San Siro. Con i volti mascherati, a rappresentare il loro sentirsi invisibili rispetto ai provvedimenti del governo, i manifestanti hanno oggi inscenato un sit-in. “Il nostro lavoro è considerato di serie B, non abbiamo coperture per infortunio o malattia né maternità retribuita, siamo senza contributi pensionistici, trattamento di fine rapporto, assegni familiari, ferie pagate o ammortizzatori sociali”, affermano. Il presidio è stato organizzato da SLC CGIL Milano e Nidil CGIL Milano con il Comitato diritti lavoratori sportivi che sottolineano come “in Italia, il settore economico dello Sport rappresenta il 3% del PIL nazionale, e coinvolge un numero superiore a 1 milione di addetti”, ma denunciano, “solo i lavoratori di sei discipline sportive – tra cui le maggiori, calcio e ciclismo – sono considerati veri e propri Professionisti dello Sport: per i lavoratori di tutte le altre discipline considerate dilettantistiche, la tipologia del rapporto lavorativo più diffusa è quella della Collaborazione Sportiva dilettantistica, formula che non è regolamentata normativamente e di fatto, corrisponde a un lavoro senza diritti e né in alcun modo tutelato”. Un situazione aggravata dall’emergenza di questi mesi e, mentre gli impianti e delle attività sportive riaprono, i collaboratori sportivi “rientreranno al lavoro senza alcuna tutela previdenziale né alcuna tutela infortunistica, condizione questa che, in emergenza COVID, penalizza ancora di più tutti e tutte i lavoratori e le lavoratrici sportive, rendendoli ancora più esposti e fragili”.
“Con l’emergenza coronavirus il governo ha scoperto che esistiamo anche noi – spiega uno dei manifestanti, Luca Dona –. Chiediamo semplicemente di essere trattati come tutti gli altri lavoratori. Senza stipendi come possiamo mangiare? Alcuni di noi aspettano ancora i soldi di gennaio”. (MiaNews)

Commenti FB
Articolo precedenteStudio Cattolica: gli italiani temono più il “contagio economico” che quello da Covid-19
Articolo successivoPonte del 2 giugno tra sole e temporali
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version