“Gentile Sig./Sig.ra lei risulta contatto di caso di Coronavirus. Le raccomandiamo di rimanere isolato al suo domicilio, limitare il contatto con i conviventi e misurare la febbre ogni giorno”, recita così il messaggio arrivato lunedì a diverse persone a Milano dall’Ats del capoluogo lombardo, che per un errore informatico ha causato non poco spavento a tutti i destinatari. Eh sì, perché come la Regione ha poi chiarito il giorno successivo l’invio è stato causato da “un errore informatico” e pronta è stata la rettifica, sempre spedita tramite messaggio, a tutti gli assistiti contattati.

Cancellazione di database, “mascherine pannolino” e adesso pure gli “sms a casaccio, per non farci mancare nulla”, esclamano dal M5S, il cui capogruppo lombardo Marco Fumagalli afferma: “La situazione è ampiamente sfuggita di mano e a poco valgono le scuse”, definendo la gestione complessiva della regione “fantozziana”.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.