Pd e M5S formalizzeranno tra oggi e domani al presidente del Consiglio regionale Alessandro Fermi il ritiro dei propri consiglieri dalla commissione di inchiesta regionale sull’emergenza covid e daranno vita a una sorta di ‘commissione’ parallela delle opposizioni “per ascoltare la sanità territoriale e ospedaliera che ha troppo sofferto in questi mesi l’assenza di Regione Lombardia”: lo hanno annunciato il capogruppo Pd Fabio Pizzul e il consigliere regionale M5S Dario Violi in una conferenza stampa convocata dopo che alla presidenza della commissione di inchiesta è stata eletta con i voti della sola maggioranza la consigliera di Italia Viva Patrizia Baffi, mentre l’opposizione, a cui per regolamento spetta la presidenza, aveva indicato il consigliere bergamasco Pd, Jacopo Scandella.  “Quello che è accaduto oggi va oltre la normale dialettica politica, la maggioranza ha pescato tra i consiglieri minoranza una figura che a suo giudizio è più adatta a guidare la commissione in maniera soft”, ha detto Pizzul.  “La maggioranza ha scelto una commissione addomesticata perché ha paura – ha proseguito –  uno strappo istituzionale che non porta da nessuna parte, noi ci chiamiamo fuori e ci auguriamo che questo nostro gesto smuova la maggioranza”.  Per Violi la scelta della maggioranza di centrodestra di non sostenere il candidato dell’opposizione, il bergamasco Jacopo Scandella, rappresenta anche “l’ennesimo schiaffo a Bergamo” in quanto, ha sottolineato la candidatura aveva anche “una valenza territoriale”.

Commenti FB
Articolo precedenteCovid-19, sono 22 i decessi registrati in Lombardia nelle ultime 24H
Articolo successivoFase 2, a Milano firmata l’ordinanza antimovida
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.