Pd e M5S formalizzeranno tra oggi e domani al presidente del Consiglio regionale Alessandro Fermi il ritiro dei propri consiglieri dalla commissione di inchiesta regionale sull’emergenza covid e daranno vita a una sorta di ‘commissione’ parallela delle opposizioni “per ascoltare la sanità territoriale e ospedaliera che ha troppo sofferto in questi mesi l’assenza di Regione Lombardia”: lo hanno annunciato il capogruppo Pd Fabio Pizzul e il consigliere regionale M5S Dario Violi in una conferenza stampa convocata dopo che alla presidenza della commissione di inchiesta è stata eletta con i voti della sola maggioranza la consigliera di Italia Viva Patrizia Baffi, mentre l’opposizione, a cui per regolamento spetta la presidenza, aveva indicato il consigliere bergamasco Pd, Jacopo Scandella.  “Quello che è accaduto oggi va oltre la normale dialettica politica, la maggioranza ha pescato tra i consiglieri minoranza una figura che a suo giudizio è più adatta a guidare la commissione in maniera soft”, ha detto Pizzul.  “La maggioranza ha scelto una commissione addomesticata perché ha paura – ha proseguito –  uno strappo istituzionale che non porta da nessuna parte, noi ci chiamiamo fuori e ci auguriamo che questo nostro gesto smuova la maggioranza”.  Per Violi la scelta della maggioranza di centrodestra di non sostenere il candidato dell’opposizione, il bergamasco Jacopo Scandella, rappresenta anche “l’ennesimo schiaffo a Bergamo” in quanto, ha sottolineato la candidatura aveva anche “una valenza territoriale”.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.