Mogli, nipoti, genitori e figli: i parenti dei morti per coronavirus nelle Rsa milanesi e lombarde si sono ritrovati oggi pomeriggio davanti al Trivulzio per l’iniziativa organizzata dal Comitato Verità e Giustizia per le vittime del Trivulzio. I manifestanti, fiori, foto e biglietti di saluto alla mano, hanno voluto ricordare gli anziani morti, ma anche portare un saluto ai parenti tuttora degenti nella struttura.
“Siamo qui anche per far sentire ai vivi che non sono stati abbandonati – spiega il portavoce del comitato Alessandro Azzoni -, per condividere tra noi vicinanza e solidarietà, per ringraziare i medici e gli infermieri che si sono prodigati nell’assistenza e nella cura, e hanno sofferto per stare al loro fianco”. Nei giorni scorsi, il Comitato aveva chiesto ai vertici del Pat di “consentire agli ospiti di vedere i propri parenti almeno attraverso un vetro, come avviene nelle RSA e negli ospedali di tutto il mondo”.

Commenti FB
Articolo precedenteLa Lombardia se ne va in Molise. Ultime cronache da Marte. Commento
Articolo successivoSan Siro può essere abbattuto, scontro sul referendum cittadino
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.