Ristoratori ancora in piazza: non vogliono riaprire secondo le norme (VIDEO)

“Falliamo noi, fallite voi!”. Ristoratori milanesi manifestano in Centrale contro le prescrizioni del governo per la riapertura.

99

Ristoratori e operatori dei pubblici esercizi in piazza contro il governo per la manifestazione “L’Italia s’è desta”. Si sono dati appuntamento alle 10 di questa mattina all’esterno della stazione Centrale in piazza Duca d’Aosta imprenditori e dipendenti del settore. “Falliamo noi, fallite voi” è questo lo slogan dei manifestanti che hanno applaudito e ringraziato ironicamente le scelte fatte fino ad ora dal governo. “Finalmente il Comune ha approvato un provvedimento utile che però dovrà essere corretto – commenta l’organizzatore dell’iniziativa e ristoratore Alfredo Zini, che nelle scorse settimane aveva organizzato la protesta dei ristoratori all’Arco della Pace con lo stesso slogan di oggi #iononapro -. Bisogna far fronte con la realtà: in città ci sono marciapiedi stretti. L’amministrazione dovrebbe dialogare con i condomìni per dare la possibilità di usufruire anche dei cortili interni in determinate ore”. “Vogliamo aiuti concreti” e “Plexiglas ai tavoli? No, grazie! Siamo plastic free” alcuni dei volantini preparati dai ristoratori.  “Abbiamo paura solo ad aprire – racconta Zini –, si devono rivedere tutte le regole del gioco. Le riduzioni delle accise e delle tasse non possono valere solo per due mesi. Per una buona ripartenza ci dev’essere anche un’ottima comunicazione da parte delle istituzioni, le persone sono terrorizzate in questi giorni e temono ad uscire di casa”. Presenti al presidio anche l’europarlamentare della lega Silvia Sardone, il consigliere regionale e membro della segreteria nazionale del Partito Democratico Pietro Bussolati, il presidente della Commissione Commercio, Bilancio, Turismo del Municipio 9 Enrico Turato e il consigliere comunale di Fdi Andrea Mascaretti.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.