Silvia Romano, gli investigatori analizzano i messaggi di odio e minacce di morte

Le indagini puntano ad individuare con precisione gli autori dei messaggi. Il comandane dei Ros, Andrea Leo, insieme ad un ufficiale oggi sono stati a casa della ragazza milanese per una “visita di cortesia”.

67

La Polizia Scientifica ha fatto dei rilievi nell’appartamento sotto quello di Silvia Romano, cooperante italiana rapita in Kenya nel 2018 e liberata il 9 maggio scorso. I vicini avrebbero trovato dei cocci di vetro sospetti vicino ad una finestra. Intanto ieri sera un egiziano è stato bloccato mentre tentava di intrufolarsi nel palazzo per dimostrare la propria solidarietà a Silvia. “Se non ci foste voi starebbe molto meglio” così Francesca Fumagalli, madre di Silvia, ha risposto così ai cronisti che le chiedevano come fossero i primi giorni della giovane finalmente a casa. Intanto gli investigatori dei Ros dei Carabinieri hanno incominciato ad analizzare tutti i messaggi d’odio e in particolare quelli contenenti minacce di morte indirizzati a Silvia Romano. Le indagini puntano ad individuare con precisione gli autori dei messaggi. Il comandane dei Ros, Andrea Leo, insieme ad un ufficiale oggi sono stati a casa della ragazza milanese per una “visita di cortesia”.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.