Coronavirus, Sala: modello Expo non basta, serve rivoluzione

138

“Alcuni evocano per ‘il dopo’ il modello Expo, io che sono stato protagonista di questo modello ho qualche perplessità e riserva, ne condivido a pieno lo spirito collaborativo, ma quello che è stato creato con Expo era un po’ più facile, si basava sulla valorizzazione di due variabili, la capacità organizzativa di noi milanesi e l’attrattività della nostra città. Penso che sia necessaria una rivoluzione più profonda, non basterà essere organizzati e lavorare sul ‘brand Milano’, ma bisognerà un po’ reinventare questo modello di città”: lo ha detto il sindaco Giuseppe Sala intervenendo in streaming all’appuntamento “Ripartiamo dalle persone” promosso da Casa Comune di Pierfrancesco Majorino, parlando della ripartenza dopo l’emergenza coronavirus. Sala è tornato a sottolineare che “è necessario un modello basato su sviluppo e solidarietà assieme” e “il tema è su quale tipo di crescita puntare”. I tre elementi fondamentali di un nuovo modello, secondo il sindaco sono “ambiente”, “scienze della vita”  e su questo, ha sottolineato “anche l’idea dello Human Technopole e la capacità che c’è a Milano in generale sulle Scienze della vita può essere un’opportunità” e infine “il digitale”. “Questi tre elementi si possono mettere insieme – ha concluso –  non dobbiamo buttare via nulla di quello che avevamo, ma dobbiamo essere molto lesti a ricreare la forma per cui Milano diventerà terreno solido per chi vuol essere partecipe del futuro in queste modalità”. (MiaNews)

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.