Il sindaco Sala spiega “Bella Ciao” ai bambini

111

Nel consueto video pubblicato sui social, oggi  il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha spiegato ai più piccoli il valore della festa della Liberazione e il significato di “Bella Ciao”, raccomandando ai più piccoli di non “fidarsi mai di chi è sempre pronto a indicare un nemico”, perché “la guerra è la cosa più brutta del mondo”. “Cari bambini conoscete ‘Bella Ciao’? Forse no, o forse l’avete sentita dai vostri genitori, dai vostri nonni magari, perché possiamo dire che è la canzone della giornata di oggi? Per capirlo dobbiamo fare qualche passo indietro a 100 anni fa: dal 1925 il fondatore del partito fascista Benito Mussolini aveva instaurato in Italia una dittatura, una cosa bruttissima con uno solo che comanda e impone la sua volontà, che nega anche con la violenza a tutti gli altri di esprimere le proprie idee. Si faceva chiamare il duce. Era alleato di Hitler e così anche l’Italia fu coinvolta in una terribile guerra che costò decine di milioni di morti”, ha spiegato Sala. “Cari bambini la guerra è la cosa più brutta del mondo, non fidatevi mai di chi è sempre pronto a indicare un nemico. Potremmo avere idee diverse, dividerci e litigare, ma la guerra non è mai la soluzione di niente”. “I partigiani – ha proseguito Sala – erano gente comune e di tante idee diverse, contadini, operai, studenti, parroci, che decisero di rischiare la propria vita per riconquistare la libertà al nostro Paese. Non erano soldati e non facevano parte di un esercito organizzato, si inventarono un movimento chiamato Resistenza che potesse sconfiggere quegli invasori di cui parla ‘Bella Ciao’, diventata la loro canzone simbolo. I partigiani erano uniti dalla volontà di restituire la libertà a tutti noi. Dobbiamo essere sempre grati e ricordare il sacrificio di questi nonni e bisnonni che si sono battuti perché tutti noi potessimo vivere in libertà”.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.