Fase due e mezzi pubblici, a Milano rischio anarchia

Con la riapertura i mezzi dovranno viaggiare semivuoti ma non ci sarà nessuno a far rispettare il distanziamento tra i passeggeri. Atm pensa di cavarsela con degli adesivi.

5935

Le aziende del trasporto pubblico sono alle prese con un bel problema: la “fase due”. Le nuove disposizioni prevederanno infatti il distanziamento tra i passeggeri che su bus, tram e metro dovranno stare alla larga gli uni dagli altri e tutti dal manovratore che, soprattutto a Milano, deve ancora procurarsi le mascherine da solo perché Atm le distilla col contagocce (le ultime in distribuzione sono una carità, un pacchettino da 10 a testa: considerando che sono obbligatorie in Lombardia e sono usa e getta…). A Milano si stanno sistemando adesivi e catenelle per il distanziamento.

La ‘fase due’, col virus in circolazione, è piena di incognite. Tutti al lavoro come prima? Quanto telelavoro sarà mantenuto? Rimodulazione degli orari, degli uffici, della mobilità: tutto cambierà in un modo o nell’altro. I mezzi dovranno viaggiare semivuoti ma su una cosa il Comune ha messo subito le mani avanti con i milanesi. Per il trasporto pubblico “abbiamo bisogno della vostra collaborazione” perché non c’è personale per distanziare e regolare i flussi. Insomma: fate voi, noi non spendiamo un euro in più. Queste le parole del sindaco Giuseppe Sala.

Già con il “lockdown”, su alcune linee, come la 90/91, regna lo stesso un certo caos che di notte si fa anarchia tra balordi, prostitute e barboni che ci dormono sopra (sulla pulizia ci torneremo su a breve). Filobus a parte, il grande problema sarà la mobilità diurna: impensabile che i conducenti possano regolare gli accessi senza collaboratori a bordo. Qualche soluzione si sta cercando per la metro, grazie alla regolazione dei tornelli. Con un solo agente di stazione, come sempre? Povero lui. Le belle pedane rosse sui mezzi e alle fermate, temiamo, diventeranno presto solo una forma d’arte moderna. Calpestabile.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.