Coronavirus, i sindaci di centrosinistra scrivono a Fontana

202

I sindaci lombardi di centrosinistra di Bergamo, Brescia, Cremona, Lecco, Mantova, Milano e Varese hanno lanciato un appello via social al presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, in cui gli rivolgono una serie di domande sull’emergenza Coronavirus. Chiedono a Fontana quando saranno disponibili i dispositivi di protezione, a partire dalle mascherine, “il cui arrivo è stato promesso da tempo”, che cosa sta facendo la Regione per proteggere il personale sanitario e gli ospiti delle Rsa.  “In una recente conferenza stampa il Presidente Fontana ha detto che la situazione ‘è sicuramente sotto controllo’ e che ‘tanto i plurisintomatici che i monosintomatici verranno sottoposti a tamponamento’ – si legge nell’appello -. È ciò che si sta realmente facendo?”.
I sindaci chiedono perché la Regione Lombardia “non segue le direttive del ministero e dell’Istituto Superiore di Sanità che prescrivono di sottoporre a tampone i sintomatici e, qualora questi siano positivi, i loro familiari e i contatti recenti – si legge – , perché la Regione Lombardia non ha ancora autorizzato l’avvio della sperimentazione dei test sierologici che altre regioni, come il Veneto e l’Emilia-Romagna, hanno invece attivato”

Quello dei sindaci è “un atteggiamento sconsiderato , una bieca speculazione politica” ha replicato Fontana

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.