Si rafforzano a partire da oggi (sabato 28 marzo) a Bergamo e da lunedì a Brescia, i progetti strategici messi in campo dalle due Ats di riferimento per l’assistenza e la sorveglianza sul territorio dei pazienti Covid. L’azione prevede l’incremento delle Unità Speciali di Continuità Assistenziale (USCA), da destinare anche alle zone più colpite dall’emergenza: Alzano, Nembro e Albino, per la provincia di Bergamo, e Orzinuovi e Montichiari, per la provincia di Brescia. Previsto anche l’ampliamento dei posti letto in strutture ricettive per l’isolamento dei pazienti. Lo annunciano in una nota il Presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana e l’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera. “Nello specifico – spiegano – per quanto riguarda il territorio di Bergamo, a partire da domani attraverso il potenziamento di una nuova USCA, che si aggiunge alle cinque esistenti, tre delle quali saranno assegnate ai territori di Alzano, Nembro e Albino). Si amplia l’orario delle visite che andrà dalle 8 alle 20, consentendo di effettuare 90 visite domiciliari al giorno”. “Saranno inoltre messi a disposizione – ha aggiunto – ulteriori posti letto, per l’isolamento dei pazienti, (28 che si aggiungono ai 92 attualmente occupati), al Winter Hotel Grassobbio, 120 al Cristall Palace di Bergamo, 100all’Hotel ‘La Muratella’ ”. Le Regione riporta poi le misure gia attive. Medici di famiglia: sostituzione attraverso i Medici di Continuità Assistenziale per attività diurna, dei 145 MMG in malattia (su 809), messe a disposizione dei Medici di famiglia, dal 19 marzo 2020, attive 5 postazioni di USCA con 2 medici per ciascuna, che hanno effettuato 480 visite domiciliari ad oggi, Istituzione luoghi protetti: attivate dal 17 Marzo un primo luogo (albergo) a Grassobbio (Bg) in cui accogliere i pazienti Covid in dimissione dalle strutture ospedaliere per il periodo di isolamento, accolti ad oggi 92 pazienti.Attività domiciliare: implementazione della fornitura di ossigeno liquido e gassoso a domicilio con la possibilità di prescrizione diretta del MMG, passando da una prescrizione di 848 bombole di gassoso, dal 1 marzo 2020, a 3363, con una media giornaliera di 135 bombole. Aggiungendo a questa fornitura quella dell’ossigeno liquido, a più lunga durata (1 liquido corrisponde a circa 8 di gassoso), dal 13 Marzo, consegnate 1541 bombole, con una media giornaliera di 119. Si sono assegnati 150.000 circa DPI agli operatori del Sistema Socio Per il territorio di Brescia – spiega ancora Palazzo Lombardia – l’ATS Brescia ha disposto l’attivazione, a partire da lunedì 30 marzo, di 3 Unità Speciali di Continuità Assistenziale (USCA) con sede a Brescia, Orzinuovi e Montichiari e saranno operative per una serie di Comuni afferenti a queste realtà territoriali. Il servizio sarà attivo nei giorni feriali dalle 8 alle 19 e prevede la presenza di 2 medici per ciascuna delle sedi di Montichiari e Orzinuovi e 3 per quella di Brescia. I Medici di Base dovranno segnalare alle USCA i riferimenti dei loro assistiti che necessitano di uno specifico intervento al domicilio. Si tratta perlopiù di persone con sintomatologia anche lieve riferibile a Covid-19. Le Unità speciali svolgono i rilievi necessari come la misurazione della temperatura e dell’ossigenazione. I cittadini la cui condizione richiede un adeguato isolamento non praticabile al domicilio potranno essere accolti nella “Residenza di Sorveglianza” Paolo VI che dispone di 88 posti complessivi. Le persone che con sintomatologia più seria vengono invece indirizzati nelle strutture ospedaliere. I medici delle USCA saranno dotati dei Dispositivi di Protezione Individuali necessari. Nei prossimi giorni per i pazienti Covid-19 saranno rafforzati inoltre gli interventi di Assistenza Domiciliare Integrata da parte dei 29 enti erogatori dell’area Bresciana e quelli e per la somministrazione delle cure palliative domiciliari da parte dei 14 enti UCPDOM.

Commenti FB
Articolo precedenteIn fiamme il settimo piano del Palazzo di Giustizia di Milano
Articolo successivoDivieti coronavirus, migliaia di controlli tra Milano e area metropolitana
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.