Immaginate che ci sia una emergenza. Ad esempio, un incendio che si propaga. Che abbiate bisogno di una figura specializzata per fare una determinata cosa. Un vigile del fuoco, o un ex vigile del fuoco. Se siete proprio fortunatissimi trovate l’ex capo dei vigili del fuoco, che ha spento moltissimi incendi. Ma che è anche finito nei casini varie volte. Per esempio, perché aveva il vizio (o la virtù) di andare con le donne. E perché magari non aveva proprio amici specchiatissimi. Insomma un uomo, con pregi e difetti. Ma visto che le fiamme sono alte, e rischiano di mangiarsi la casa, voi andate da questo tizio e gli chiedete di intervenire. Perché lui sa come maneggiare l’ascia e tirar giù la porta e magari salvare anche un pezzo della casa che sta per essere invaso dalle fiamme. Per convincerlo magari vi siete preparati anche un compenso. Rischiare la vita, e la reputazione, non è una cosa da tutti. Ma lui, vi chiede solo un euro. Voi che cosa direste? Subito di sì, ovviamente. E pensereste di essere fortunatissimi. Ecco, questo è quello che è successo alla Lombardia con Guido Bertolaso. Lui è l’ex capo della Protezione Civile. Coinvolto in uno scandalo sul G8, per lui la procura ha richiesto l’archiviazione e poi è stato assolto con formula piena. Mi piace Bertolaso? Francamente non lo so. Perché in generale i grandi “esperti” dello Stato sono sempre abbastanza deludenti. Magari lui no, speriamo. Ma adesso non conta: sa come maneggiare l’ascia e c’è un incendio in corso. Vediamo se ci aiuta a spegnerlo al modico costo di un euro.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.