Ieri l’Arcivescovo è salito sul Duomo, vicino alla Madunina, e l’ha pregata. Le ha detto di confortare “coloro che più soffrono nei nostri ospedali e nelle nostre case”, di sostenere “la fatica dei tuoi figli impegnati nella cura dei malati”. Devo essere onesto: la voce dell’Arcivescovo manca, in questa crisi. Manca quella grande tradizione morale, quella vocazione a parlare alla politica, a dare messaggi ampi. Sono cresciuto con Martini, e con Tettamanzi. Anche Scola, pur nel suo essere professorale, riusciva a trasmettere messaggi forti alla politica. Più forti della frasetta “infondi sapienza nelle decisioni”. E dire che avrebbe mille modi di comunicare, mille cose da dire, mille messaggi da mandare. Alle pecore spaventate e pure agli atei, che comunque – quando c’è la difficoltà – sperano tanto di sbagliarsi e che un Dio esista comunque.

Se sull’esistenza di Dio si dibatte, sulla serietà di certe decisioni invece no. Ieri ho ascoltato con molta attenzione il discorso di Conte, e per una volta mi aveva stupito: pareva che avesse deciso di estendere le misure, rigorosissime, richieste da Regione Lombardia a tutta Italia. Un atto di grande coraggio, per il quale invocava l’ammirazione del mondo. Poi aspetti qualche decina di minuti e scopri che, oltre gli alimentari, devono rimanere aperti quelli che vendono computer telefonini, ferramenta, elettricisti, negozi di lampade, le edicole (forse perché l’ha chiesto Repubblica), le profumerie (sia mai che a casa non ti metti una goccia di acqua di colonia), i negozi di materiale per ottica e fotografia (per farci meglio i selfie sul terrazzo?). In più i servizi assicurativi bancari eccetera. Cioè, in pratica non chiude nessuno tranne quelli che vendono vestiti e scarpe. E niente, sull’esistenza di Dio si dibatte, su quella di un governo serio, francamente, non ho nulla da dire.

Facebook Comments

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.