Coronavirus, Gallera: non c’è nessuna linea guida per privilegiare alcuni malati rispetto ad altri

185

“La sanità lombarda sta dando risposte che non so quante altre realtà nel mondo sarebbero riuscite a dare”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, spiegando che è “bisogna continuare ad impegnarsi con la massima determinazione per non accrescere il numero delle persone contagiate ogni giorno. Dobbiamo quindi fare in modo che si inverta la tendenza, anche attraverso quei comportamenti virtuosi che stiamo fortemente raccomandando e diffondendo e che contribuiscano concretamente a interrompere la diffusione del virus”.

L’assessore Gallera aggiornando i dati ha sottolineato come “stia crescendo la consapevolezza dell’emergenza”. “Tutti insieme – ha aggiunto – dobbiamo continuare ad impegnarci per bloccare la diffusione di questo virus. Bisognaevitare di contagiare e di essere contagiati. E’ un bel segnale, gli italiani stanno comprendendo che la battaglia riguarda tutti e che va giocata fino in fondo”.  “In Regione Lombardia – ha garantito l’assessore – non c’è “nessuna linea guida per privilegiare alcuni malati rispetto ad altri. Il personale fa le valutazione sulle singole criticità dei pazienti. Il lavoro dei medici è teso a curare tutti i pazienti e non c’è un medico che non stia dando il massimo per offrire il meglio delle cure, e tutti sono impegnati al massimo”.

Gallera ha ricordato che la Lombardia, fatti salvi quelli degli ospedali mono specialistici aveva 724 posti in terapia intensive. “Oltre ai 223 che siamo riusciti ad aprire nelle prime due settimane – ha spiegato – fra ieri e oggi ne abbiamo aperti altri 43 arrivando a 920. Ne apriremo altri ancora, mentre andiamo avanti a esplorare anche altre possibilità”.

La Regione Lombardia ha anche attivato la casella di posta elettronica  perlalombardia@regione.lombardia.it alla quale è possibile segnalare la disponibilità come medico o infermiere. “Non vogliamo fermare il cuore della Lombardia – ha concluso Gallera – ma rallentarlo, facendo salvi tutti i servizi essenziali”.

I DATI – L’assessore ha quindi aggiornato i dati dei contagi ricordando anche quelli dei giorni precedenti

– i casi positivi sono 7.280, ieri erano 5.791. L’incremento significativo di oggi è dovuto al fatto che una parte dei tamponi ieri non era ancora stata processata. L’altro ieri erano

5.469, il giorno prima 4.189 e poi 3.420/2.612

– i deceduti 617, ieri 468/333/267/154

– in isolamento domiciliare 1.351/1.248/756/722

– in terapia intensiva 560/466/440/399/359. Ad oggi 610 posti per pazienti Covid. In alcuni presìdi ci sono situazioni di grande difficoltà.  Il 38% dei pazienti ha tra 64 e 75 anni, il 20% ha più di 75 anni, il 32% ha trai 50 e i 64 anni, il 9% ha trai 25 e i 49 anni e l’1% tra i 18 e i 24 anni

– i ricoverati non in terapia intensiva sono 3.852/3319/2.802/2.217/1.661. Ogni giorno sono quindi circa 500 le persone in più. “Per fortuna – ha sottolineato Gallera – non è un dato esponenziale, anche se è troppo presto per dire se è un segno da prendere in considerazione”.

– i tamponi effettuati 25.629/21.479/20.135/18.534/15.778

I casi per provincia con l’aggiornamento rispetto agli ultimi 6 giorni

BG   1.815/1.472/1.245/997/761/623/537

BS   1.351/790/739/501/413/182/155

CO   77/46/40/27/23/11/11

CR   1.061/957/916/665/562/452/406

LC   113/89/66/53/35/11/8

LO   1.035/963/928/853/811/739/658

MB   85/65/64/59/61/20/19

MI   925/592/506/406/361 (di cui 359 a Milano città)

MN   137/119/102/56/46/32/26

PV   403/324/296/243/221/180/151

SO   13/7/7/6/6/4/4

VA   75/50/44/32/27/23/17

e 190 in corso di verifica.

Commenti FB
Articolo precedenteCoronavirus, l’Oms dichiara la pandemia
Articolo successivoCoronavirus, Sala firma l’ordinanza con le prime misure economiche
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.