Coronavirus, Unione Artigiani: stop a fisco e affitti attività produttive

3981

L’Unione Artigiani di Milano e di Monza-Brianza, alla luce dell’aggravarsi della crisi epidemiologica dovuta al Coronavirus e alle conseguenti pesantissime ricadute sull’economia, in una nota diffusa oggi “invita il Governo a provvedere con urgenza a due priorità. La prima consiste nel dichiarare l’interruzione del pagamento dei canoni di locazione delle attività produttive e commerciali insediate nelle zone definite ‘a contenimento rafforzato’, per causa di forza maggiore, ai sensi dell’articolo 1256 del Codice Civile, dal corrente mese di marzo sino al termine dell’emergenza e ciò per impossibilità temporanea della prestazione, la seconda è di posticipare di tre mesi ogni scadenza fiscale prevista dal corrente mese di marzo fino al 31 dicembre 2020.” “Tali misure – spiega nel comunicato il segretario generale dell’Unione Artigiani, Marco Accornero – appaiono indispensabili in un momento di gravissima difficoltà delle imprese ed immediate nei loro effetti positivi. Ci attendiamo dall’Esecutivo una celere e concreta azione in assenza della quale la sopravvivenza di moltissime sarebbe messa a repentaglio già nel giro di poche settimane.”

Commenti FB
Articolo precedenteCoronavirus e incoscienza, ci vuole il disegnino?
Articolo successivo“Seguite le regole del decreto”, l’appello dei rettori delle università lombarde
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.