“Credo che chi ha letto i giornali stamattina e ha visto i dati ISTAT presentati ieri, può rendersi conto che non sono mai stati così bassi da sei anni a questa parte. La Lombardia tiene, certo in diminuzione”. Lo ha detto Gian Domenico Auricchio, presidente di Unioncamere Lombardia, commentando i i dati relativi all’andamento economico di industria e artigianato in Lombardia nel quarto trimestre 2019. “La produzione industriale cresce nell’anno del 0,2%, il fatturato dell’1,9% ma se lo rapportiamo al 2018 era il 4,7%. – ha proseguito Auricchio – La Lombardia esporta un terzo dell’export nazionale e cresce dello 0,7% nel 2019 contro un 4,9% del 2018. Senza dubbi un po’ di preoccupazione c’è, anche il fattore export va contestualizzato in un mercato globale che nel 2019 ha avuto problemi di tutti i tipi: penso alla Brexit, alla guerra doganale tra Usa e Cina o ai dazi che gli Usa han messo su alcuni prodotti alimentari italiani. Penso poi all’inizio di questo 2020 con il problema sanitario del Coronavirus che indubbiamente sta bloccando anche a livello economico le esportazioni e il turismo in un paese così importante nello scacchiere mondiale com’è la Cina. Credo che le camere di commercio lombarde affiancate dalla Regione Lombardia continueranno a sostenere le imprese, soprattutto quelle piccole e piccolissime. – ha concluso il presidente di Unioncamere Lombardia – Con l’accordo di programma ricordo che sono stati stanziati oltre 20 milioni di euro nel 2020 tramite bandi per sostenere l’aggancio a una ripresa che siamo convinti che nel 2020 potrà arrivare”. (MiaNews)

Gian Domenico Auricchio, presidente di Unioncamere Lombardia

Commenti FB
Articolo precedenteCapo ultras interista arrestato davanti allo stadio per violazione di DASPO
Articolo successivoLe chiamate al 112 presto geolocalizzate
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.