Disordine&Armonia, dialogo tra le religioni al Mudec

98

Il Mudec di Milano propone una settimana di riflessioni e dialogo tra le religioni con “Disordine&Armonia: Uomini e Donne, Terre e Cieli” , nella settimana dal 3 al 9 febbraio. Il progetto vuole rinnovare il dialogo tra le diverse culture coinvolgendo i giovani studenti di Milano e tutta la cittadinanza. Per tutta la settimana saranno organizzati laboratori, incontri gratuiti e una mostra permanente per stimolare e aprire nuovi spazi di dibattito sul tema delle grandi religioni del mondo, guardando non solo all’individualità dei singoli ma anche alle grandi tematiche globali e sociali, come il cambiamento climatico, in una visione plurale e interculturale. Inoltre giovedì 6 febbraio dalle 15.30 alle 18.30 si terrà una tavola rotonda con esperti, docenti e rappresentanti delle istituzioni e, a seguire, dalle 20.00 alle 22.00 l’interludio artistico “Teofonia, note di fedi per un’unica armonia”, musica, danze e cori delle tradizioni indù, ebraica e islamica.

  • Lunedì 3 febbraio: giornata dedicata all’INDUISMO

  • Martedì 4 febbraio: giornata dedicata all’EBRAISMO

  • Mercoledì 5 febbraio: giornata dedicata all’ISLAM

  • Giovedì 6 febbraio: tavola rotonda e interludio artistico

  • Venerdì 7 febbraio: giornata dedicata al BUDDHISMO

  • Sabato 8 febbraio: giornata dedicata al CRISTIANESIMO

Per ogni giornata (eccetto giovedì) sono previsti:

  • Mattina: laboratori di un’ora e mezza per studenti di I/II grado, 9.30/11.00; 11.00/12.30

  • Pomeriggio: una conferenza aperta al pubblico dalle ore 17.30 alle 19.00

Le iniziative sono gratuite, l’iscrizione è obbligatoria al sito: www.disordinearmonia.it

Per ulteriori contatti: info@disordinearmonia.it

La manifestazione si inscrive all’interno della “World Interfaith Harmony Week”, promossa nove anni fa dalle Nazioni Unite, tesa a favorire il dialogo tra le religioni: un invito alla solidarietà e alla cultura della pace come antidoti alla montante crescita di un atteggiamento di sospetto e sfiducia generale verso l’altro.

Lo strumento dell’arte e l’approccio laboratoriale guideranno anche i più giovani in un percorso di conoscenza delle diverse fedi, all’approfondimento di tematiche attuali e al confronto con le principali domande esistenziali che gli adolescenti avvertono in modo particolare.

Un lavoro volto anche a smontare pregiudizi e stereotipi mostrando come le religioni nella loro essenza possano davvero essere fonti di armonia.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.